Inchiesta “Waterfront” su mafia e appalti, il Riesame annulla le misure cautelari a carico dei 4 agrigentini

Il legale di fiducia Eugenio Longo: "A loro carico non sono emersi indizi di colpevolezza, né collegamenti con ambienti mafiosi o con membri di spicco della 'Ndrangheta"    

Il tribunale del Riesame di Reggio Calabria, accogliendo la tesi difensiva e le istanze formulate dall'avvocato Eugenio Longo, ha annullato il provvedimento che disponeva la misura cautelare a carico di Alessio La Corte, Vito La Greca, Filippo Migliore e Francesco Migliore. A carico dei quattro agrigentini non sono emersi - ha ricostruito il legale di fiducia - indizi di colpevolezza, né collegamenti con ambienti mafiosi o con membri di spicco della 'Ndrangheta.    

Appalti pilotati per favorire la 'Ndrangheta, 63 le misure cautelari: coinvolti pure 4 imprenditori agrigentini

I quattro erano rimasti coinvolti nell'inchiesta della Guardia di finanza e della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria in quella che a fine maggio scorso fu l'operazione “Waterfront”. Ben 63 furono, allora, i provvedimenti cautelari - fra i quali quelli a carico dei 4 agrigentini - che vennero eseguiti. L'inchiesta - stando a quanto, allora, aveva ricostruito la Guardia di finanza - aveva fatto emergere una presunta associazione per delinquere finalizzata alla turbativa d’asta, frode in pubbliche forniture, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche - aggravate dall’agevolazione mafiosa - nonché abuso d’ufficio e corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mafia e appalti, inchiesta "Waterfront": tre imprenditori si difendono dal giudice

Il tribunale del Riesame di Reggio Calabria ha, però, annullato il provvedimento che disponeva la misura cautelare disposta a carico degli agrigentini. E questo perché non sono emersi indizi di colpevolezza, né collegamenti con ambienti mafiosi o con membri di spicco della 'Ndrangheta.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La faida sull'asse Favara-Belgio, scatta l'operazione "Mosaico": raffica di arresti, trovate armi

  • Operazione "Mosaico": duplice tentato omicidio, ecco chi sono i 7 arrestati

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Il Covid non molla la sua presa: due nuovi casi a Favara, uno a San Biagio e Grotte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento