Giovedì, 17 Giugno 2021
Mafia

Mafia e massoneria deviata, al via processo "Halycon-Assedio": la Cgil è parte civile

Il sindacato ammesso nel dibattimento in cui sono imputati i presunti componenti della famiglia di Cosa Nostra che avrebbero stretto accordi con la politica e le logge

Una foto scattata durante le indagini

La Cgil di Agrigento si costituisce parte civile al processo scaturito dalla doppia inchiesta "Halycon" e "Assedio" che ha disarticolato la nuova famiglia mafiosa di Licata che avrebbe pure stretto un accordo con la politica e la massoneria deviata per portare avanti i propri interessi economici e personali.

Il sindacato, rappresentato dall'avvocato Floriana Salamone, ha ottenuto dai giudici della prima sezione penale, presieduta da Alfonso Malato, di entrare nel processo, tutelando i propri interessi previsti dallo statuto "di contrasto all'illegalità e alla criminalità organizzata", ottenendo, quindi, in caso di condanna, il risarcimento dei danni. All'udienza preliminare si erano già costituiti Sicindustria e il Centro Pio La Torre con l'assistenza degli avvocati Ettore Barcellona e Zelia Dionisio. Oggi, prima dell'apertura del dibattimento a carico di otto imputati, si è unita anche la Cgil. 

Gli imputati dei due tronconi, in tutto, sono venti. I personaggi principali sono il boss Angelo Occhipinti, 65 anni, l'ex consigliere comunale, nonchè geometra dell'ufficio tecnico dell'ospedale di Licata, Giuseppe Scozzari, e il funzionario della Regione Lucio Lutri. Lutri, in particolare, "grazie alle rete relazionale a sua disposizione quale Maestro venerabile della loggia massonica "Pensiero ed Azione" di Palermo, avrebbe "acquisito e veicolato agli appartenenti alla famiglia mafiosa informazioni riservate circa l'esistenza di attività di indagine a loro carico" e sarebbe intervenuto per favori di altra natura.

L'associazione mafiosa, con il ruolo di "promotore e organizzatore", è contestata ad Angelo Occhipinti, inteso “Piscimoddu”, e Giovanni Lauria, 79 anni, detto “Il professore”. Tra i presunti partecipi, invece: Giovanni Mugnos, 54 anni; Giacomo Casa, 66 anni; Vito Lauria, 50 anni; il farmacista Angelo Lauria, 56 anni; Raimondo Semprevivo, 48 anni; Gabriele Spiteri, 47 anni; Vincenzo Spiteri, 53 anni; Antonino Cusumano, 44 anni; Angelo Bellavia, 65 anni; Vincenzo Bellavia, 34 anni; Angelo Graci, 33 anni; Giuseppe Galanti, 62 anni, tutti di Licata e Giuseppe Puleri, 41 anni di Campobello di Licata. Sono accusati di favoreggiamento aggravato, invece: Antonino Massaro, 61 anni di Licata, e Marco Massaro, 36 anni di Licata, entrambi elettrauti; il titolare della ditta che si è occupata delle demolizioni degli immobili abusivi a Licata: Salvatore Patriarca, 42 anni di Vittoria e Alberto Riccobene, 53 anni di Palma di Montechiaro.

Il gup di Palermo, Claudia Rosini, il 6 luglio, ha disposto il rinvio a giudizio di Angelo Bellavia, Cusumano, Giovanni Lauria, Antonino Massaro, Patriarca, Riccobene, Gabriele Spiteri e Vincenzo Spiteri.

Per loro, questa mattina, è iniziato il dibattimento: il pm della Dda Alessia Sinatra e i difensori (nel collegio, fra gli altri, gli avvocati Santo Lucia, Angelo Balsamo e Giuseppe Rapisarda) hanno chiesto l'ammissione dei rispettivi mezzi di prova. Si torna in aula il 12 novembre per l'audizione dei primi testi.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia e massoneria deviata, al via processo "Halycon-Assedio": la Cgil è parte civile

AgrigentoNotizie è in caricamento