L'inchiesta "Kerkent": gli ordini venivano diramati da più basi operative

Il Gip: "Antonio Massimino, seguendo tipiche logiche criminali tendenti ad eludere le investigazioni, ha cambiato con altissima frequenza i luoghi di dimora"

Non soltanto l'autolavaggio di Villaseta, ritenuto dalla Dia di Agrigento e dai magistrati della Dda di Palermo, la centrale operativa della presunta organizzazione. Antonio Massimino avrebbe potuto contare su una serie di immobili che – secondo quanto emerge dalle pagine dell’ordinanza di custodia cautelare, firmata dal Gip del tribunale di Palermo, - “sono stati utilizzati come vere e proprie basi logistiche, e da dove ha diramato ordini e tessuto trame criminali, incontrando sodali ed altri soggetti di interesse investigativo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un autolavaggio come base operativa del gruppo criminale

“Nel corso dell’attività investigativa è puntualmente emerso – scrive il giudice per le indagini preliminari – è emerso come Antonio Massimino, seguendo tipiche logiche criminali tendenti ad eludere le investigazioni, abbia cambiato con altissima frequenza i luoghi di dimora, non disdegnando di ramificare basi logistiche sul territorio, utilizzando anche altri immobili che non sono sfuggiti al monitoraggio investigativo, Si pensi alla casa rurale di Monserrato, messa a disposizione – prosegue il gip – da Antonio Messina e dal figlio Giuseppe, entrambi soggetti inseriti a pieno nel gruppo criminale monitorato. Il sito è stato, in seguito, oggetto di perquisizione che ha consentito di porre – prosegue la ricostruzione del giudice per le indagini preliminari - sotto sequestro un fucile e della sostanza stupefacente illegalmente detenuti. Inoltre, è stato possibile accertare che il gruppo criminale ha avuto la disponibilità di un capannone dove, come in seguito verificato, sono state occultate significative quantità di sostanze stupefacenti ed armi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Non si fermano i contagi a Sambuca, altri nove positivi: tra questi anche un impiegato

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 17 positivi in provincia, ci sono pure 6 alunni e 2 insegnanti

  • Studenti positivi al Covid 19, Miccichè chiude il "Politi" e Di Ventura il "Verga"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento