Mafia, inchiesta "Passepartout": chiesto rinvio a giudizio di boss, deputata e assistente parlamentare

Fra i principali imputati Antonello Nicosia, 48 anni, di Agrigento, collaboratore dell'esponente di Italia Viva, Giusi Occhionero, accusato di associazione mafiosa: rischio processo pure per il boss Accursio Dimino

Antonello Nicosia e Giusi Occhionero

I pubblici ministeri della Dda Francesca Dessì e Geri Ferrara hanno chiesto il rinvio a giudizio per i sei indagati dell'operazione "Passepartout" che ha svelato un intreccio fra la famiglia mafiosa di Sciacca e una parte della politica. L'udienza preliminare, davanti al gup di Palermo Fabio Pilato, è stata fissata per il 9 settembre.

Fra i principali imputati Antonello Nicosia, 48 anni, di Agrigento, assistente parlamentare della deputata di Italia Viva, Giusi Occhionero, accusato di associazione mafiosa. Nicosia sarebbe stato il braccio destro del capomafia Accursio Di Mino, 61 anni, che era tornato libero dopo due condanne per mafia. Insieme avrebbero gestito affari e persino progettato un omicidio. A Nicosia si contesta, fra le altre cose, di avere strumentalizzato la sua funzione di collaboratore parlamentare per entrare in alcune carceri siciliane, parlare con i boss e trasmettere all'esterno i messaggi che servivano alla gestione della famiglia mafiosa.

Insieme a Nicosia e Dimino - quest'ultimo pure accusato di associazione mafiosa - figura fra i destinatari del provvedimento anche la parlamentare Occhionero che rischia di finire a processo per l'accusa di falso con l'aggravante di avere agevolato l'associazione mafiosa.

La deputata, in particolare, avrebbe dichiarato falsamente, in diverse attestazioni indirizzate alle case circondariali di Agrigento, Sciacca e Palermo che, nel dicembre del 2018, Nicosia "prestava una collaborazione professionale diretta, stabile e continuativa".

Completano la lista degli indagati i fratelli Paolo e Luigi Ciaccio, 33 anni e Massimiliano Mandracchia, 47 anni, accusati di favoreggiamento personale con l'aggravante dell'avere agevolato l'associazione mafiosa. I tre avrebbero messo a disposizione locali di propria proprietà e utenze telefoniche per aiutare Nicosia, Dimino e altri associati a eludere le investigazioni e trasmettere messaggi. Nicosia e Dimino si trovano in carcere dal 4 novembre, giorno in cui è scattata l'operazione. 

I difensori (gli avvocati Salvatore Pennica, Gioacchino Sbacchi, Maria Elena Paulicelli, Calogero Lanzarone e Giovanni Bruno) all'udienza preliminare potranno scegliere il rito abbreviato oppure attendere la decisione del giudice sulla richiesta di rinvio a giudizio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Nicosia e Di Mino - ha commentato il loro legale, l'avvocato Pennica - sono figli di una giustizia minore che non indaga al pari la parlamentare che ha parlato di Messina Denaro con Nicosia uscendo insieme dal carcere. Un motivo in più per fare una battaglia per una causa giusta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

  • La statua di Camilleri diventa un "giallo": polemiche su donatori e progetto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento