menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'aula del carcere Pagliarelli dove avrebbe dovuto tenersi l'udienza

L'aula del carcere Pagliarelli dove avrebbe dovuto tenersi l'udienza

Mafia, droga ed estorsioni, il Coronavirus fa slittare la requisitoria per 28 imputati dell’inchiesta Kerkent

Un avvocato del foro di Palermo, di rientro da Milano, ha chiesto il rinvio dell'udienza perché si è messo in auto-quarantena

Per stamani, al carcere Pagliarelli di Palermo, era prevista la requisitoria dei pm della Dda, Geri Ferrara e Pierangelo Padova, nell'ambito della maxi inchiesta antimafia "Kerkent". Un avvocato del foro di Palermo, di rientro da Milano, ha chiesto il rinvio dell'udienza perché si è messo in auto-quarantena. Il Coronavirus, di fatto, fa slittare al 16 marzo la requisitoria per 28 imputati.

Mafia, traffico di droga ed estorsioni: sette rinvii a giudizio per il clan di Massimino

Lo scorso 3 febbraio, il gup di Palermo Fabio Pilato ha disposto il rinvio a giudizio di sette imputati della maxi inchiesta "Kerkent" che avrebbe sgominato un traffico di droga legato alle famiglie mafiose dell'Agrigentino. L'operazione ha come personaggio principale il capomafia di Villaseta, Antonio Massimino, che avrebbe riorganizzato la cosca subito dopo essere tornato libero avendo scontato l'ultima condanna nell'operazione "San Calogero". 

In ventotto hanno chiesto ed ottenuto di essere giudicati con il rito abbreviato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Danneggia la rotonda del Quadrivio e fugge via: "beccato" dalle telecamere

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Un agrigentino a "Uomini e donne", Gero Natale debutta su Canale 5

  • Sport

    L'ex "portierone" Daniele Indelicato vola a Dubai: affiancherà Sosa

Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento