Sabato, 13 Luglio 2024
Mafia Favara

Il neo pentito Quaranta su politica, armi, forze dell'ordine e Matteo Messina Denaro

La confessione: "Non ho guadagnato nulla o meglio poco. Avevo una piccolissima rendita dalle estorsioni perché il profitto era molto basso. Qualcosa Fragapane mi dava per la droga, ma nell'ordine di 100, 200 euro" 

"Il nome Fragapane è una specie di 'passaporto libero' dentro Cosa Nostra, intendo dire che basta dire che vai a nome di Fragapane e puoi fare ciò che vuoi". Giuseppe Quaranta - neo collaboratore di giustizia - parla così davanti ai magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Palermo. Ed ha iniziato per ognuno degli indagati, nell'ambito dell'operazione antimafia "Montagna" - che è stata eseguita dai carabinieri e dalla Dda di Palermo lo scorso 23 gennaio -, a riferisce qualcosa. Ma non soltanto. Perché ha già parlato, e starebbe ancora parlando, anche di persone che non sono state indagate nell'ultima inchiesta della Dda. 

Quaranta riferisce

"Calogerino Giambrone - fa mettere a verbale davanti ai magistrati - è uomo d'onore senza 'punciuta'. Fa estorsioni, tiene contatti con gli altri esponenti. Aveva un'azienda di camion per movimento terra e poi si è messo nel settore delle macchinette ed ha iniziato a 'disturbare' chiedendo di sistemarle e questo scompigliava le cose. Santo Sabella (l'ex sindaco di San Biagio Platani ndr.) l'ho conosciuto perché me lo ha presentato Giuseppe Nugara al quale era vicino. A Favara operano anche (omissis). Nella zona di Palermo ho conosciuto Tony Maranto e tramite lui ho conosciuto Franco Giordato di San Cono (Enna). Di Racalmuto conosco solo i fratelli Maurizio e Beniamino Di Gati". Ma a questa affermazione segue una pagina e mezza circa di omissis 

Sindaco di Favara

"Il candidato a sindaco di Favara - prosegue Giuseppe Quaranta - è libero e non lo sceglie la famiglia mafiosa. Di singoli candidati che hanno chiesto voti non sono a conoscenza".

Forze dell'ordine

"Non sono a conoscenza di coinvolgimenti di appartenenti alle forze dell'ordine in contesti criminali" - dice il neo collaboratore di giustizia - . 

Armi dal Belgio 

"Sono a conoscenza del fatto che ci sono persone che si stanno muovendo per andare a comprare armi in Belgio, anche in relazione a dei conflitti che sono sorti per traffici di droga". Segue omissis.

Sempre senza soldi 

"Non ho guadagnato nulla - ammette Giuseppe Quaranta - . O meglio poco. Avevo una piccolissima rendita dalle estorsioni perché il profitto era molto basso. Qualcosa Fragapane mi dava per la droga, ma nell'ordine di 100, 200 euro". 

Matteo Messina Denaro?

I magistrati della Dda hanno letto prima una serie di nominativi e fatto vedere poi delle fotografie a Quaranta. Dopo aver sentito i nominativi, il neo collaboratore di giustizia ha dichiarato e fatto mettere a verbale: "Nessuno di questi soggetti è in grado credo di poter avere contatti con Matteo Messina Denaro, che si dice essere sempre il capo di Cosa Nostra".    

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il neo pentito Quaranta su politica, armi, forze dell'ordine e Matteo Messina Denaro
AgrigentoNotizie è in caricamento