rotate-mobile
Mafia San Biagio Platani

“Il Comune di San Biagio era al servizio dei boss”, condannato l’ex sindaco

Sei anni e 8 mesi di reclusione a Santo Sabella: secondo i giudici mise il Comune - poi sciolto per infiltrazioni della criminalità organizzata - al servizio del boss in cambio di voti. Un’altra condanna per droga. Altri quattro imputati “indenni” fra assoluzione e prescrizione

Le mani della mafia sul Comune di San Biagio, asservito alla cosca in forza di un preciso accordo elettorale precedente alle stesse elezioni del 2014: i giudici della seconda sezione penale del tribunale di Agrigento, presieduta da Alfonso Malato, hanno condannato l’ex sindaco di San Biagio Platani, Santo Sabella, per l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. 

Sei anni e 8 mesi è la pena inflitta, che prevede anche l’interdizione perpetua dai pubblici uffici: poco più della metà rispetto ai 12 anni chiesti dal pubblico ministero della Dda, Alessia Sinatra.

“E' stato eletto nel 2014 - aveva detto il pm nel corso della requisitoria, articolata in più udienze, grazie ad un accordo col boss del paese Giuseppe Nugara, con una precisa strategia messa a punto nei dettagli che prevedeva pure una formale contrapposizione di liste che, in realtà, serviva solo a favorire la sua elezione”.

Secondo il magistrato della Dda, Santo Sabella, nel 2014, fu eletto grazie ad un accordo col capomafia che organizzó tutto nei dettagli avendone in cambio la gestione di affari e appalti per uomini a lui vicini. L’inchiesta ha portato allo scioglimento del Comune per infiltrazioni della criminalità organizzata.

Accuse alle quali, per molte udienze, avevano replicato i difensori, gli avvocati Antonino Gaziano e Antonino Mormino, sostenendo che non c’era stato alcun accordo con Nugara e che fra loro ci fosse un semplice rapporto di compaesani ed ex compagni di scuola.

Sul banco degli imputati, nello stralcio ordinario del processo Montagna, che il 22 gennaio del 2018 ha fatto finire in carcere decine di persone, fra cui lo stesso Sabella, tornato libero dopo 2 anni, altre cinque persone. 

Il pm aveva chiesto la condanna di tutti ma i giudici ne hanno deciso solo una. 

Queste le richieste: Domenico Lombardo, 29 anni, di Favara (8 anni), Salvatore Montalbano, 28 anni, di Favara (18 anni), Calogero Principato, 30 anni, di Favara (16 anni), Giuseppe Scavetto, 51 anni, di Casteltermini (16 anni) e Antonio Scorsone, 55 anni di Favara (5 anni). 

Scavetto, secondo l’accusa, sarebbe stato organico alla famiglia mafiosa di Casteltermini. Scorsone, invece, si sarebbe fatto intestare una società, in realtà di proprietà del mafioso (oggi pentito) Giuseppe Quaranta, per sottrarla al sequestro mentre gli altri imputati, secondo l'accusa originaria, avrebbero avuto un ruolo nel traffico di droga gestito dal clan. 

I giudici hanno escluso l’esistenza di un’organizzazione a delinquere dedita al traffico di droga e condannato il solo Montalbano, per tre episodi di spaccio, a 4 anni e 9 mesi di reclusione. 

Per il resto sono state decise assoluzioni mentre per Lombardo i giudici hanno disposto la prescrizione dopo avere riqualificato l’accusa di spaccio in “fatto di lieve entità”. 

Subito dopo la requisitoria avevano illustrato le arringhe di parte civile gli avvocati Samantha Borsellino, Maria Luisa Butticè e Luigi Troja, che assistono alcune associazioni antiracket e Rosalba Di Piazza, candidata a sindaco rivale di Sabella che sarebbe stata danneggiata dall'accordo elettorale-mafioso. 

Poi ci sono state una serie di udienze nell'interesse degli imputati - fanno parte del collegio difensivo anche gli avvocati Daniela Posante, Giuseppe Barba, Carmelita Danile e Salvatore Maurizio Buggea - fino al verdetto di primo grado che stabilisce anche una serie di risarcimenti alle parti civili.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Il Comune di San Biagio era al servizio dei boss”, condannato l’ex sindaco

AgrigentoNotizie è in caricamento