menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Comune di Favara

Il Comune di Favara

Beni confiscati alla mafia, al via gli interventi di miglioramento

Aperti i cantieri per il recupero e la trasformazione del Giardino della memoria, della biblioteca comunale e della palestra di Villa Ambrosini

Espletate le gare di appalto, tutte gestite dall’Urega di Agrigento, sono iniziati i lavori per la risistemazione, il miglioramento e il recupero di tre beni di proprietà comunale. Il primo riguarda la ristrutturazione della “Casa della legalità” e del “Giardino della memoria”, rispettivamente un immobile e uno spazio verde insistenti tra contrada Poggio e viale Berlinguer confiscati alla mafia circa 15 anni fa e assegnati al Comune per la loro gestione. La notizia è riportata oggi sul Giornale di Sicilia.

La gara è stata vinta dalla ditta “G.P. Costruzioni” di Giuseppe Proietto che ha proposto il ribasso del 19,273%. I lavori verranno eseguiti grazie ad un finanziamento disposto dall’assessorato regionale della Famiglia, del Lavoro e delle Politiche Sociali che è pari a poco meno di 318 mila euro, compresi oneri relativi alla manodopera, oltre Iva. 

Un altro intervento interesserà la biblioteca comunale di piazza Cavour, dedicata al filantropo e aristocratico barone Antonio Mendola che attraversò buona parte dell’800 per finire i suoi giorni all’alba del XX secolo. I lavori consisteranno nell’abbattimento delle barriere architettoniche, nell’adeguamento degli impianti elettrici ed idrici e nella realizzazione di un ascensore e di un bagno per soggetti portatori di disabilità. Gli interventi, finanziati per quasi 267 mila euro, prevedono anche il recupero e la riqualificazione di alcuni elementi lignei posti al primo piano della sala di lettura storica dove vengono conservati alcuni libri di rilevanza e valore inestimabile (anche perché sono in tiratura unica), nonché il ripristino di parti pittoriche relative al controsoffitto.

Con il terzo finanziamento verrà realizzata una palestra a cielo aperto nella Villa Ambrosini. Ad aggiudicarsi l’appalto è stata la ditta “Fenix Consorzio Stabile Soc. Coop.”, con sede in Bologna, che ha offerto un ribasso del 18,142% per un importo netto di poco meno di 348 mila euro, oltre oneri per la sicurezza. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento