menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mario Rizzo

Mario Rizzo

Il "mancato" collaborante Mario Rizzo si rivede in aula, a processo per ricettazione

Il trentaduenne favarese si difende in aula: "Ho comprato quella merce in buona fede"

"Ho comprato quella merce in buona fede, non sapevo che fosse rubata e da dove arrivasse". Il favarese Mario Rizzo, 32 anni, dopo il tentativo, evidentemente fallito, di collaborare con la giustizia e dopo avere fatto arrestare, lo scorso 2 agosto, il cognato Gerlando Russotto per un agguato in Belgio ai danni di un ristoratore, si rivede in tribunale.

Il favarese, difeso dall'avvocato Gero Lo Giudice, è comparso in aula, davanti al giudice monocratico Sabrina Bazzano, accompagnato dalla polizia penitenziaria che lo ha prelevato dalla sua abitazione, dove è detenuto ai domiciliari, e ha rilasciato spontanee dichiarazioni per difendersi da un'accusa di ricettazione che risale all'agosto del 2015 per il quale la Procura ha disposto la citazione diretta a giudizio.

Rizzo, insieme al favarese Michele Calogero Luparello, 22 anni, è accusato di ricettazione perchè avrebbe "acquistato o comunque ricevuto" tre televisori e altri oggetti (un trolley e dieci piattini di metallo) di provenienza illecita. "Me li ha venduti Luparello - si è giustificato in aula Rizzo invocando la buona fede - ma non sapevo nulla circa la sua provenienza".

Rizzo, che nei mesi scorsi ha collaborato con la Procura di Agrigento e con la Dda di Palermo aprendo nuovi scenari, pare essere stato "bocciato" come aspirante collaboratore di giustizia. Il processo per ricettazione continua il 15 marzo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento