rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Mafia Favara

Faida con omicidi e traffico di droga sull'asse Favara-Belgio, slittano le conclusioni del pm

Il magistrato della Dda chiede un rinvio per un malessere: salta la terza udienza per la discussione

Il pm della Dda Alessia Sinatra chiede un rinvio e slitta la requisitoria del processo scaturito dall'inchiesta "Mosaico", che ha svelato una faida sull'asse Favara-Belgio, scaturita dall'omicidio dell'imprenditore vicino alla mafia Carmelo Bellavia.

Il magistrato avrebbe dovuto concludere la requisitoria, arrivata alla terza udienza, illustrando le richieste finali, ma ha chiesto un rinvio per un lieve malessere. Si torna in aula il 15 novembre.

Tre, in particolare, gli omicidi consumati e due gli agguati falliti al centro della vicenda. Sullo sfondo, un traffico di armi e droga. 

L'operazione, che ha fatto luce su altri episodi di sangue maturati nell'ambito degli scontri fra le due bande, è stata eseguita il 15 settembre dell'anno scorso dalla squadra mobile. Sotto accusa: Antonio Bellavia, 48 anni, residente in Belgio; Calogero Bellavia, 30 anni, di Favara; Calogero Ferraro, 43 anni, di Favara; Calogero Gastoni, 38 anni, di Agrigento; Carmelo Nicotra, 39 anni, di Favara; Gerlando Russotto, 31 anni, di Favara e Vincenzo Vitello, 64 anni.

Il solo Carmelo Vardaro, 44 anni, non ha scelto riti alternativi ed è stato rinviato a giudizio: il dibattimento è iniziato martedì davanti ai giudici della Corte di assise presieduta da Alfonso Malato. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Faida con omicidi e traffico di droga sull'asse Favara-Belgio, slittano le conclusioni del pm

AgrigentoNotizie è in caricamento