Omicidio Ciffa e agguato a Nicotra, la Dda unifica i due fascicoli

Possibile svolta nell'inchiesta su due fatti di sangue avvenuti a Favara, disposti accertamenti scientifici

Rilievi dopo l'omicidio Ciffa

L’omicidio dell’empedoclino Carmelo Ciffa, operatore socialmente utile di 42 anni, freddato il 26 ottobre del 2016 davanti a un supermercato in corso Vittorio Veneto, a Favara, mentre potava alcune palme, e l’agguato a Carmelo Nicotra, 35 anni, ferito a colpi di arma da fuoco la sera del 23 maggio nel suo garage di Favara: per la Dda i due casi hanno un collegamento. I pm della procura antimafia Gery Ferrara, Claudio Camilleri e Alessia Sinatra hanno, di fatto, unificato i due fascicoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’indagine, condotta sul campo dai poliziotti della squadra mobile, è arrivata alla svolta. Il 14 febbraio saranno eseguiti, a cura del Gabinetto regionale della polizia scientifica di Palermo, gli accertamenti irripetibili su alcuni reperti sequestrati sulle scene degli agguati oltre ad accertamenti tecnici finalizzati alla ricerca di “impronte papillari latenti” su un pacchetto di sigarette Marlboro trovato su uno dei luoghi del delitto. Nelle scorse settimane sono stati eseguiti accertamenti su due auto nell’ambito del filone di indagini per l’agguato a Nicotra. In una delle auto non ci sarebbero tracce di polvere da sparo, ma impronte digitali. La seconda è completamente carbonizzata e risulta complicato risalire anche a un minimo indizio o a qualsiasi traccia biologica. Il personale della polizia scientifica ha cercato sangue, saliva e impronte digitali su una Fiat Panda e una Renault Modus. La prima è stata trovata all'interno del garage in uso da Nicotra mentre la Renault Modus è stata trovata incendiata in contrada Zingarello, ad Agrigento, l'indomani mattina del tentato omicidio: quella vettura, secondo gli inquirenti, sarebbe stata usata per accompagnare il ferito in ospedale e potrebbe contenere tracce organiche dei killer o, comunque, utili alle indagini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La faida sull'asse Favara-Belgio, scatta l'operazione "Mosaico": raffica di arresti, trovate armi

  • Operazione "Mosaico": duplice tentato omicidio, ecco chi sono i 7 arrestati

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Il Covid non molla la sua presa: due nuovi casi a Favara, uno a San Biagio e Grotte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento