menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tribunale di Agrigento, nel riquadro Angelo Di Giovanni

Il tribunale di Agrigento, nel riquadro Angelo Di Giovanni

"Non sono stati acquisiti illecitamente", no alla confisca dei beni per presunto mafioso

I giudici rigettano la richiesta per un favarese condannato nella maxi operazione "Montagna"

I giudici della seconda sezione misure di prevenzione, presieduta da Wilma Angela Mazzara, hanno rigettato la richiesta di confisca dei beni del favarese Angelo Di Giovanni, 47 anni, condannato a 10 anni e 8 mesi, lo scorso 25 luglio, nell'ambito del processo scaturito dalla maxi inchiesta "Montagna" in cui è stato riconosciuto colpevole di associazione mafiosa.

Il collegio, composto anche dai giudici Manfredi Coffari e Micaela Raimondo, ha accolto le tesi del difensore, l'avvocato Giuseppe Barba, e ha rigettato la richiesta di confisca, vale a dire definitiva acquisizione da parte dello Stato, di un patrimonio composto da quote di terreni, auto, titoli finanziari e, soprattutto, di una villa. 

"I presupposti della provenienza illecita dei beni e della sproporzionalità rispetto ai redditi dichiarati non risultano sussistenti", spiegano i giudici. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento