"Negarono di essere vittime del pizzo mentendo in aula ma furono minacciati", 4 assoluzioni

La Corte di appello cancella le condanne inflitte ai parcheggiatori accusati di avere testimoniato il falso al processo parcometro

FOTO ARCHIVIO

Negarono di essere vittime del racket mafioso per timore di ritorsioni. Una circostanza che, secondo la difesa, rappresentava una scriminante. Dopo averlo ammesso durante le indagini, quando furono chiamati a testimoniare, smentirono tutto. Una ritrattazione, peraltro, abbastanza maldestra che non ha impedito la condanna dei tre presunti mafiosi di Villaseta.

Quattro posteggiatori abusivi, costretti a versare una percentuale dell’obolo pagato dagli automobilisti, sono stati assolti dalla Corte di appello che ha annullato le condanne decise in primo grado. Il gup di Agrigento, Alessandra Vella, il primo marzo del 2017, aveva inflitto due anni di reclusione a Calogero Meli, 54 anni; un anno e 4 mesi a Giuseppe Stagno, 45 anni; dieci mesi e venti giorni a Vincenzo Melilli, 59 anni, e Antonino Perna, 40 anni.

I difensori (gli avvocati Giovanni Crosta, Antonietta Pecoraro, Antonino Casalicchio e Francesca Dumas) hanno impugnato la sentenza chiedendo l’assoluzione alla luce del fatto che gli imputati erano stati minacciati da persone in odore di mafia e, quindi, costretti a mentire. I posteggiatori furono ascoltati nel dibattimento scaturito dall’inchiesta antimafia “Parcometro”, concluso con la condanna per estorsione aggravata di due presunti affiliati di Cosa Nostra, - Pietro Capraro e Vincenzo Cacciatore - accusati di avere imposto il racket sugli incassi dei posteggiatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La loro versione al processo, peraltro, fu diametralmente opposta a quella messa a verbale davanti ai carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Gruppetto di tunisini sbarca a San Leone: i migranti scappano a gambe levate

  • Tenta di bloccare tunisino in fuga da Villa Sikania e viene aggredito: poliziotto finisce in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento