rotate-mobile
Mafia

Niente armi ma abiti e profumi di lusso: i Ris passano al setaccio il covo di Messina Denaro

Il super latitante viveva in una casa - in pieno centro a Campobello di Mazara - che negli ultimi mesi, dopo il trasferimento dei proprietari, era rimasta disabitata

"Il covo del latitante? L'abitazione di una persona normale". Con queste parole gli investigatori che hanno perquisito il covo del boss mafioso Matteo Messina Denaro hanno definito il luogo in cui l'ex latitante avrebbe trascorso l'ultimo periodo della fuga trentennale.  Il covo si trova a Campobello di Mazara. All'interno del rifugio, che è stato individuato nella notte dai carabinieri del Ros, non sono state trovate armi. I carabinieri hanno invece trovato molti abiti di lusso, firmati, diversi profumi, anche questi di lusso, e un arredamento definito "ricercato". 

Trovato il covo di Messina Denaro, la perquisizione è durata diverse ore

L'identikit di Messina Denaro: un playboy amante delle belle donne, coinvolto in festini hard e con un patrimonio di 4 miliardi di euro

L'arresto di Messina Denaro: "Era in buona salute e indossava un orologio di almeno 30 mila euro"

I dati del Servizio sanitario e la visita all'occhio: così è stato scovato Messina Denaro, ora si cerca il covo

La cattura di Messina Denaro, il procuratore Guido: "Piena operatività della mafia agrigentina

Per la perquisizione del rifugio di Messina Denaro sono al lavoro anche i Ris dei carabinieri di Messina, i Reparti di investigazioni scientifiche. Saranno loro a repertare gli oggetti che si trovano nel covo dell'ex latitante. Il nascondiglio in cui si sarebbe rifugiato il super latitante negli ultimi periodi si trova precisamente in vicolo San Vito (ex via CB 31), in pieno centro a Campobello di Mazara. Alle operazioni ha preso parte il procuratore aggiunto di Palermo Paolo Guido. La zona ora è presidiata dai carabinieri.

Alle 8,30 al covo sono arrivati gli uomini del Reparto investigazioni scientifiche di Messina che stanno passando al setaccio l'abitazione. Sul posto è intervenuto anche il capitano dei carabinieri della compagnia di Mazara del Vallo Domenico Testa. Messina Denaro viveva in una casa che negli ultimi mesi, dopo il trasferimento dei proprietari, è rimasta disabitata. 

L'arresto di "Diabolik" (Matteo Messina Denaro) e quel lungo elenco di latitanti agrigentini cancellato nel 2010

L'arresto di Messina Denaro: operato per un tumore a La Maddalena faceva cicli di chemioterapia

Arrestato in una clinica privata di Palermo, finisce dopo 30 anni la latitanza del boss Matteo Messina Denaro

Arresto Messina Denaro, la carta di identità di Andrea Bonafede usata dal superlatitante

"Stiamo cercando eventuali nascondigli o intercapedini nel covo del latitante, alla ricerca di eventuali documenti". A dirlo è il comandante provinciale dei carabinieri di Trapani, colonnello Fabio Bottino, che sta seguendo le perquisizioni nel covo a Campobello di Mazara. Questa mattina il Ris dei Carabinieri ha eseguito un'ulteriore ricerca nell'abitazione del boss alla ricerca di tracce biologiche.

(Aggiornato alle ore 12,40) 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente armi ma abiti e profumi di lusso: i Ris passano al setaccio il covo di Messina Denaro

AgrigentoNotizie è in caricamento