rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Mafia Favara

Entrare in Cosa Nostra per i soldi? Quaranta: "Ci misi sulu di sacchetta, ci staiu mintennu di sacchetta e ci staiu mintennu a facci"

Il neo collaboratore di giustizia parla di usura, omicidi e delle armi che qualcuno vorrebbe andare a prendere in Belgio per "risolvere" la diatriba legata alla droga

Al neo collaboratore di giustizia, Giuseppe Quaranta, i magistrati della Dda hanno chiesto, fra le altre cose, di riferire - e verosimilmente continueranno a farlo - su omicidi ed armi, soffermandosi sulla faida in corso fra Favara e il Belgio nata per questioni di droga e di soldi. Perché a Quaranta - ed è l'interrogatorio del 29 gennaio scorso - è stato, naturalmente, chiesto di riferire sui fatti che ha commesso in prima persona e su quello che hanno commesso gli altri. Sugli omicidi, il pentito ha parlato: ci sono 8 pagine di omissis. Ha fatto lo stesso sulle armi: 6 pagine di omissis, mentre sulla questione droga e sulle armi che qualcuno vorrebbe prendere dal Belgio le pagine di omissis sono ben 22.

Entrare in Cosa Nostra

I magistrati della Dda hanno chiesto, fra le tante cose, al neo pentito il perché è entrato a far parte di Cosa Nostra. Sembra essere scontato che chiunque, in maniera scontata, forse anche banale, possa pensare subito - senza conoscere le motivazioni - ad una questione di soldi. "Mi fici na dumanna ca m'ammazzò precisu" - Il favarese cinquantenne risponde così all'interrogativo dei magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Palermo - . "Ci misi sulu di sacchetta e ci staiu mintennu di sacchetta e ci staiu mintennu a facci". 

Cosa Nostra e l'usura 

Lo si è sempre detto: "Cosa Nostra non fa usura". Quaranta racconta però di presunti casi di usura. E lo fa de relato: "me lo raccontava Calogerino Giambrone" - spiega e fa mettere a verbale il pentito di Favara - . I Pm evidenziano, dunque, il "famoso mito", di cui si parlava un tempo, secondo il quale Cosa Nostra non praticava usura. "Si pensa ca magari ca i componenti di Cosa Nostra non possono avere l'amante, non possono drogarsi, non posso bere - continua Quaranta - però succede tutto, non so perché".

ECCO TUTTI GLI APPROFONDIMENTI

Giuseppe Quaranta si è pentito

L'intercettazione: "Mi sono sdegnato la macchina dello stomaco"

"Mi volevano uccidere, temevano che potessi parlare"

Il declino di Quaranta prima di pentirsi

La "punciuta" e "l'affidamento" del latitante Di Gati

Il travaglio interiore di Quaranta: "Ho rovinato la mia famiglia"

Quaranta: "Ecco la geografia dei mandamenti"

"I vecchi boss considerano Fragapane come un ragazzino raccomandato"

Quaranta: "I paraccari? Devono chiedere il permesso"

Fragapane è in carcere, è il momento di gloria di Quaranta

Le rivelazioni: "Estorsioni e usura a negozianti e giocatori di carte"

Le confessioni: "Troppi arresti, impossibile conoscere tutti"

Quaranta su politica, forze dell'ordine e Matteo Messina Denaro

Quaranta continua a parlare: "Cocaina in credito e nascosta nella spazzatura"

Il pentito è un fiume in piena: "La politica a Favara è libera"

Le accuse al sindaco: "Sabella e Nugara strinsero un'alleanza"

Quaranta apre nuovi squarci investigativi sulla latitanza di Gerlandino Messina

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Entrare in Cosa Nostra per i soldi? Quaranta: "Ci misi sulu di sacchetta, ci staiu mintennu di sacchetta e ci staiu mintennu a facci"

AgrigentoNotizie è in caricamento