rotate-mobile
Operazione Montagna / Cammarata

Quasi un mese e mezzo in carcere per mafia e poi assolto: risarcito imprenditore

Il 51enne Vincenzo Mangiapane è stato arrestato l'11 gennaio del 2018 ed è stato 37 giorni in cella prima che gradualmente cadessero tutte le accuse. I giudici gli riconoscono 11.000 euro

Trentasette giorni in carcere con l'accusa di associazione mafiosa e intestazione fittizia di beni aggravata prima della decisione del tribunale del riesame che lo ha rimesso in libertà. Dopo anni di indagini e processi tutte le accuse a suo carico sono cadute ed è arrivato pure il risarcimento da parte dello Stato nei confronti dell'imprenditore Vincenzo Mangiapane, 51 anni, di Cammarata.

I giudici della seconda sezione penale della Corte di appello di Palermo, ai quali si è rivolto il suo difensore, l'avvocato Giovanni Castronovo, gli hanno riconosciuto un indennizzo per l'ingiusta detenzione subita. Il collegio presieduto da Alfonsa Maria Ferraro, in particolare, ha condannato il ministero dell'Economia e delle finanze a pagargli 11.000 euro oltre alle spese legali sostenute.

Mangiapane, noto anche negli ambienti calcistici per essere stato direttore sportivo del Kamarat, era stato accusato di associazione mafiosa per avere – in particolare – fatto parte della famiglia di Cammarata nonchè di intestazione fittizia di beni.

L'accusa di partecipazione all'associazione mafiosa era stata esclusa fin da subito dal tribunale riesame. Le due ipotesi di intestazione di beni, relative a una serie di società che si occupavano di scommesse telematiche e slot machine, erano state confermate dai giudici del riesame escludendo l'aggravante mafiosa (per questo la custodia in carcere era stata sostituita con l'obbligo di dimora) e, infine, al processo, dove è stato giudicato con il rito abbreviato, è arrivata l'assoluzione da tutte le accuse. 

Mangiapane, fin dall'interrogatorio di garanzia, ha negato le accuse a suo carico giustificando i contatti con altri presunti associati come semplici rapporti familiari e amicali. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quasi un mese e mezzo in carcere per mafia e poi assolto: risarcito imprenditore

AgrigentoNotizie è in caricamento