Blitz Kerkent, il Gip: "Dagli immobili di Massimino nascevano delle trame criminali"

Ad essere intercettato anche il braccio destro del boss che in una confidenza ha così parlato: "Gli servono sempre soldi papà… ogni giorno gli servono soldi"

Uno “zoccolo duro” di uomini fidati e immobili sparsi in ogni dove utilizzati come vere e proprie basi operative. E’ quanto emerge dalle intercettazioni ambientali dell’operazione Kerkent, che puntano gli occhi sulla figura del boss Antonio Massimino.

Massimino "u nuovo papà", il Gip: "Anche i parenti di Gerlandino Messina si sono assoggettati a lui"

Proprio lui, durante il periodo d’indagine, era sottoposto a misura di prevenzione della sorveglianza speciale. E’ stato accertato che il boss ha violato ripetutamente i suoi obblighi, recandosi anche a Palermo. L’uomo, secondo quanto ricostruito dal Gip, ha incontrato soggetti considerati contigui alla criminalità organizzata del capoluogo. Massimino poteva fare affidamento a diversi immobili. Durante le indagini gli investigatori hanno accertato che si trattavano di vere e proprie basi operative. Da lì, Massimino, ha incontrato diverse persone. Utilizzando quei luoghi come basi logistiche da dove ha diramato ordine e tessuto trame criminali. Il boss ha cambiato con frequenza luoghi di dimora non disdegnando di ramificare basi logistiche sul territorio, utilizzando anche immobili sfuggiti al monitoraggio investigativo. L’uomo poteva fare affidamento su dei soggetti fidati, persone che erano ben consapevoli di fare parte di una vera e propria associazione criminale. Era Massimino ad impartire ordini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mafia, spaccio, armi e sequestro di persona per estorsione: scatta l'operazione "Kerkent"   

I suoi fidati hanno costituito lo “zoccolo duro” dell’associazione illecita promossa e diretta da lui stesso. Durante le intercettazioni è emerso che Giuseppe Messina, braccio destro del boss, rivolgendosi al padre confidava che Massiminio era sempre alla ricerca di soldi. “Gli servono sempre soldi papà… ogni giorno gli servono soldi”. Massimino avrebbe vessato i sodali dell’associazione inducendoli alla spasmodica ricerca di denaro per la riscossione dei crediti vantati dalla cessione di sostanze stupefacenti: “dalle persone mi fa andare ogni giorno”.

Il pentito Quaranta: "Massimino si offrì di inserirmi coi Falsoniani" 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Non si fermano i contagi a Sambuca, altri nove positivi: tra questi anche un impiegato

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 17 positivi in provincia, ci sono pure 6 alunni e 2 insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento