menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nel riquadro: Calogero Ferraro

Nel riquadro: Calogero Ferraro

"Duplice agguato a colpi di kalashnikov", no definitivo alla scarcerazione

Calogero Ferraro è accusato di avere tentato di uccidere Maurizio Di Stefano e Carmelo Nicotra nell'ambito di una faida nella quale è stato ucciso il fratello Emanuele

No definitivo alla scarcerazione per Calogero Ferraro, 43 anni, accusato, fra le altre cose del duplice tentato omicidio del quarantenne Maurizio Di Stefano e di Carmelo Nicotra, di due anni più giovane: la vittima designata dell'agguato, scattato a Favara il 23 maggio del 2017, sarebbe stato Di Stefano che avrebbe ucciso due anni prima il favarese Carmelo Bellavia e per questo doveva essere eliminato dal gruppo rivale. Sia Di Stefano che Nicotra, nell'agguato, restarono feriti.

La Cassazione, alla quale si è rivolto il difensore, l'avvocato Salvatore Virgone, ha rigettato il ricorso e confermato l'ordinanza cautelare. L'operazione "Mosaico", che ha fatto luce su quattro omicidi e tre tentati omicidi sull'asse Favara-Belgio e il 15 settembre ha fatto scattare sette arresti, eseguiti dalla squadra mobile, completato il passaggio della fase cautelare, nelle prossime settimane dovrebbe approdare in aula per l'udienza preliminare. Lo stesso Nicotra è finito in carcere nell'inchiesta nella quale è accusato di ricettazione, favoreggiamento, incendio, detenzione illegale e porto in luogo pubblico di armi. 

I pm della Dda Claudio Camilleri, Calogero Ferrara, Alessia Sinatra e Gianluca De Leo hanno già fatto notificare l'avviso di conclusione delle indagini per una parte delle accuse contestate nell'ordinanza. Alcune imputazioni di armi, droga e favoreggiamento sono state stralciate. L'avviso è stato notificato ad Antonio Bellavia, 48 anni, residente in Belgio; Calogero Bellavia, 30 anni, di Favara; lo stesso Calogero Ferraro, 43 anni, di Favara; Calogero Gastoni, 38 anni, di Agrigento; Calogero Nicotra, 39 anni, di Agrigento; Gerlando Russotto, 31 anni, di Favara; Carmelo Vardaro, 44 anni, di Favara; Vincenzo Vitello, 64 anni, di Favara e Maurizio Di Stefano, 47 anni, di Favara.

Tre gli omicidi contestati: quello di Mario Jakelich, avvenuto il 14 settembre del 2016 in Belgio (contestato ai Bellavia e a Vardaro), quello ai danni di Carmelo Ciffa, ucciso in pieno giorno a Favara il 26 ottobre del 2016 (contestato ai Bellavia) e quello ai danni di Emanuele Ferraro, fratello di Calogero, ucciso a Favara l'8 marzo del 2018: il delitto è contestato a Gastoni che non è stato raggiunto da alcuna misura cautelare.

Lo stesso Di Stefano sarebbe stato vittima di due tentati omicidi: il primo in occasione dell'omicidio di Jakelich e il secondo, il 23 maggio del 2017, a Favara, nel magazzino di Nicotra: anche in questo caso la vittima designata era lui ma si salvò e restò solo ferito. Nell'inchiesta sono confluiti una serie di segmenti investigativi su un vasto giro di armi, droga ed episodi di criminalità connessi agli agguati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento