menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra, Nugara, La Rosa e Sabella

Da sinistra, Nugara, La Rosa e Sabella

Le accuse mosse al sindaco Sabella: "Garantì agevolazioni nella gestione degli appalti pubblici"

I magistrati della Dda contestano “in concorso con Giuseppe Nugara, Raffaele La Rosa e Vincenzo Cipolla d’aver posto in essere condotte materiali e amministrative in favore di Cosa Nostra”

Avrebbe “discusso e concordato le candidature da presentare sia nella lista a suo sostegno che in quelle a lui contrapposte”. E “una volta eletto sindaco” avrebbe “raggiunto accordi con Giuseppe Nugara e Raffaele La Rosa garantendo loro agevolazioni nella gestione degli appalti pubblici banditi dal Comune”. Sono queste le accuse mosse dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo - sulla base dell’attività investigativa svolta dai carabinieri del reparto Operativo del comando provinciale di Agrigento - a Santino Sabella, 53 anni, sindaco di San Biagio Platani, arrestato all’alba di ieri nell’ambito dell’operazione antimafia denominata “Montagna”. L’ipotesi di reato contestatagli è concorso esterno in associazione mafiosa.

"Concordò la candidatura del 2014 con esponenti mafiosi", sindaco arrestato 

Santino Sabella, con una lista civica di Centrodestra, è stato eletto sindaco di San Biagio Platani – Comune montano dell’Agrigentino di 3.281 abitanti circa - nel maggio del 2014. Al sindaco, i magistrati della Dda di Palermo contestano “in concorso con Giuseppe Nugara, Raffaele La Rosa e Vincenzo Cipolla (ritenuti dai carabinieri e dai magistrati rispettivamente reggente e componenti della famiglia mafiosa di San Biagio Platani) d’aver posto in essere condotte materiali e amministrative in favore di Cosa Nostra”.

Ad sindaco Santino Sabella viene contestato “d’aver messo in guardia Nuguara dai controlli presenti in paese anche tramite un sistema di telecamere e averlo invitato a non intrattenere rapporti con un carabiniere” e che avrebbe “esercitato indebite pressioni nei confronti delle imprese esecutrici dei lavori appaltati dal Comune in occasione della festa degli Archi di pane e avrebbe autorizzato un’impresa a iniziare i lavori ancor prima dell’avvenuta aggiudicazione della gara”.

I magistrati della Dda di Palermo gli contestano inoltre di “aver acconsentito alla richiesta avanzata da Nugara di non intromettersi nella gestione delle forniture di materiale e dei sub appalti”. Ieri, dopo l’arresto, a San Biagio Platani, inevitabilmente, non si parlava d’altro. E tutti i cittadini si chiedevano se, nelle prossime ore, arriveranno o meno le dimissioni. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento