rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Mafia

"Il clan imponeva il pizzo anche alle cooperative che gestiscono i migranti"

Nel lungo elenco delle vittime del racket delle estorsioni anche due enti che si occupano dell'accoglienza degli extracomunitari

Ci sono anche due associazioni che gestiscono l'accoglienza di migranti nel lungo elenco delle vittime del racket delle cosche agrigentine scoperto dalla Dda di Palermo. Si tratta della Omnia Academy di Favara e della società cooperativa San Francesco di Agrigento. Le indagini dei carabinieri, che oggi hanno arrestato 56 presunti mafiosi dell'Agrigentino e del Palermitano, hanno accertato che nel mirino delle estorsioni era finita anche una piccola organizzazione, costretta a pagare il pizzo alla famiglia mafiosa di Cammarata. La Omnia Academy raccoglie 15 extracomunitari richiedenti asilo distribuiti presso diversi enti locali della provincia di Agrigento.

Maxi blitz antimafia, 56 arresti 

I nomi di tutti gli arrestati

Secondo le indagini, della estorsione alla Omnia Academy si erano occupati personalmente i presunti capomafia Calogerino Giambrone e Giuseppe Quaranta, che contattarono il rappresentante della associazione per chiedere un aiuto economico per la famiglia mafiosa.

Blitz "Montagna", arrestato anche Francesco Fragapane 

Nel caso della coop San Francesco, invece, secondo le indagini era stato lo stesso responsabile a cercare l'appoggio del boss "per individuare - spiega il gip - un immobile da adibire a centro di accoglienza nell'area compresa tra i comuni di San Giovanni Gemini e Cammarata e successivamente ottenere le relative autorizzazioni comunali dalle amministrazioni locali".

76 indagati, ecco i territori coivolti nell'inchiesta

Calogerino Giambrone, secondo l'accusa, avrebbe curato la gestione di tutta la parte amministrativa relativa alle autorizzazioni comunali per regolarizzare l'immobile da destinare a centro di accoglienza, "con l'intento di ottenere, quale corrispettivo dell'interessamento, l'assunzione da parte della cooperativa di persone vicine al clan e il pagamento di una somma in denaro da stabilire in percentuale sul numero degli immigrati ospitati nel centro".

"Concordò le candidature del 2014 con esponenti mafiosi", arrestato sindaco 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il clan imponeva il pizzo anche alle cooperative che gestiscono i migranti"

AgrigentoNotizie è in caricamento