rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Mafia San Biagio Platani

Blitz antimafia "Montagna", la difesa del sindaco Sabella: "Nessun patto con i boss, scarceratelo"

Depositato il ricorso al tribunale del riesame, giudizio tranciante sul nuovo pentito: "Parla di cose lette nell'ordinanza"

"Nessun patto con i boss. Il sindaco di San Biagio, Santo Sabella, va scarcerato". Gli avvocati Antonino e Vincenza Gaziano, difensori del primo cittadino del paese, finito in carcere nell'operazione "Montagna", il 22 gennaio scorso, con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, chiedono al tribunale del riesame l'annullamento dell'arresto. 

Le accuse al sindaco: "Garantì agevolazioni di appalti"

Sabella si era già difeso, in occasione dell'interrogatorio di garanzia, smentendo l'interpretazione data dagli inquirenti alle sue frasi. Secondo l'accusa avrebbe concordato le candidature col boss del paese Giuseppe Nugara, in occasione delle amministrative del 2014, e in cambio avrebbe dirottato alcuni appalti pubblici.

La difesa di Sabella dovrà anche fare i conti con le rivelazioni del nuovo pentito Giuseppe Quaranta. Il giudizio dei legali, nella memoria indirizzata ai giudici, è tranciante: "Non sa nulla su Sabella, racconta solo un episodio che ha letto nell'ordinanza". Nei prossimi giorni sarà fissata l'udienza al tribunale della libertà chiamato a pronunciarsi sulla richiesta di annullamento dell'ordinanza cautelare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz antimafia "Montagna", la difesa del sindaco Sabella: "Nessun patto con i boss, scarceratelo"

AgrigentoNotizie è in caricamento