rotate-mobile
Mafia

I dati del Servizio sanitario e la visita all'occhio: così è stato scovato Messina Denaro, ora si cerca il covo

Altri particolari sulla cattura del superlatitante svelati durante una conferenza stampa: nei giorni scorsi aveva fatto anche un controllo oculistico. Caccia ad altri fiancheggiatori nel Trapanese. Già chiesto il 41 bis: "Le condizioni di salute sono compatibili con il carcere"

Nei giorni scorsi aveva fatto un visita all'occhio sinistro e questo è un altro elemento che, dopo settimane di indagini, ha portato gli investigatori a ritenere che il paziente "Andrea Bonfede" potesse essere in realtà il boss Matteo Messina Denaro. "Una certezza che abbiamo avuto soltanto questa mattina quando lo abbiamo fermato", come ha spiegato il procuratore capo di Palermo, Maurizio De Lucia. Mentre sono in corso pequisizioni soprattutto nel Trapanese, dove quasi certamente viveva l'ultimo dei Corleonesi e si cercano quindi il suo covo e altri fiancheggiatori, il mafioso non è ancora stato interrogato e per lui è già stato richiesto il 41 bis.

La cattura di Messina Denaro, il procuratore Guido: "Piena operatività della mafia agrigentina"

"In buona salute e con un orologio da 30 mila euro" | Il video della conferenza

L'arresto di Messina Denaro: operato per un tumore a La Maddalena faceva cicli di chemioterapia

Durante una conferenza stampa sono stati illustrati altri restroscena della cattura e, come ha detto l'aggiunto Paolo Guido, che coordina le indagini, "i problemi sanitari hanno costretto il boss ad esporsi e ad uscire allo scoperto". Un campo, quello sanitario, in cui la Procura stava già lavorando: sapendo dei problemi di salute di Messina Denaro si sono indirizzate le ricerche in quest'ambito "in maniera telematica, fuori dalla Sicilia, senza il coinvolgimento o la collaborazione della clinica Maddalena (dove è avvenuto il blitz, ndr)", ha precisato De Lucia, spulciando quindi dati che potessero portare all'uomo più ricercato d'Italia. 

L'identikit di Messina Denaro: un playboy amante delle belle donne, coinvolto in festini hard e con un patrimonio di 4 miliardi di euro

L'arresto di "Diabolik" (Matteo Messina Denaro) e quel lungo elenco di latitanti agrigentini cancellato nel 2010

Certo è che il boss era stato operato alla Maddalena a maggio del 2021 e che più volte è ritornato nella clinica per sottoporsi alle cure oncologiche. E che mai nessuno lo ha però riconosciuto. Anche se, come hanno affermato gli stessi investigatori "guardandolo c'era ben poco da verificare". De Lucia ha tuttavia detto che "non abbiamo al momento elementi per ritenere che ci siano state delle complicità all'interno della clinica, ma sono comunque in corso degli accertamenti".

Sui suoi documenti, quelli a nome di Andrea Bonafede, c'è la foto del boss, "geometra" e "calvo". "Non è un uomo distrutto o in bassa fortuna - ha sottolineato Guido - ma di buon aspetto, ben vestito, indossava anche oggetti di lusso (come un orologio da 35 mila euro, ndr). Era perfettamente in linea con il paziente tipo che può frequentare la clinica Maddalena".

Immancabili le considerazioni su chi possa aver protetto per ben tre decenni la latitanza di Messina Denaro, che "nell'ultimo periodo ha trascorso tra Trapani e Palermo e in precedenza anche in altre zone del territorio nazionale" e "non c'è dubbio che abbia potuto godere di protezione - ha sottolineato De Lucia - da parte di una fetta di borghesia mafiosa che ha aiutato la latitanza. Abbiamo degli elementi e stiamo indagando". Ma, come ha ribadito anche Guido all'uscita dalla conferenza, rispondendo ad ipotesi più "complottistiche", "questa è stata un'attività investigativa pura (leggi senza soffiate e senza confindenti, ndr) anche perché le voci sui problemi di salute di Matteo Messina Denaro ce n'erano da vendere". E chi meglio di Guido, che sin dal 2017 ha la delega per le indagini legate alla cattura del superlatitante, poteva esserne a conoscenza?

Arrestato in una clinica privata di Palermo, finisce dopo 30 anni la latitanza del boss Matteo Messina Denaro

L'arresto di Messina Denaro, Lo Voi: "Colpito un mito dell'impunità, nessuno è inafferrabile"

Mafia: dopo l'arresto di Matteo Messina Denaro restano 4 superlatitanti di massima pericolosità

Le condizioni del superlatitante sarebbero comunque "compatibili con il carcere, ci è apparso in buona salute", anche se non si sa al momento in quale struttura è stato trasportato in elicottero dopo la cattura. Ne esistono comunque diverse in Italia, soprattutto al Nord, dove è possibile garantire tutte le cure ai detenuti, anche quelli al 41 bis. Bernardo Provenzano, catturato nel 2006 dopo una lunghissima latitanza, è morto malato proprio dietro le sbarre.

Un "perfetto sconosciuto", così è stato definito invece Giovanni Luppino dal procuratore: si tratta dell'uomo che è stato arrestato assieme al boss e accusato di essere un suo fiancheggiatore, che tuttavia "non ci sembra abbia conoscenze con altri soggetti mafiosi".

De Lucia ha rimarcato che la cattura arriva "al termine di un lavoro lungo e complicatissimo con cui è stato catturato l'ultimo degli stragisti, un'operazione condotta con le divise, a dimostrazione della presenza dello Stato, e senza manette (non sono state infatti mai messe al boss, ndr), come è giusto in un Paese democratico". L'arresto dopo 30 anni di latitanza di Messina Denaro "non vuol dire, però - secondo il magistrato - che la mafia è stata sconfitta, la partita non è finita. Ma è un segnale importante che la gente abbia gioito ed applaudito i carabinieri". Inoltre, il procuratore ha messo in evidenza come l'arresto sia importante anche perché "lo Stato, la Repubblica, è in debito nei confronti delle vittime di Cosa nostra".

L'arresto di Messina Denaro, il fratello del piccolo Di Matteo: "Nessun perdono, soffra il più a lungo possibile"

Dall'incontro nell'ovile con Campo fino al litigio fra pm per l'arresto anticipato di Sutera: quel filo che lega l'ex superlatitante con l'Agrigentino

Matteo Messina Denaro ha sempre deciso sull'Agrigentino: era lui a prendere le decisioni strategiche

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I dati del Servizio sanitario e la visita all'occhio: così è stato scovato Messina Denaro, ora si cerca il covo

AgrigentoNotizie è in caricamento