rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Cosa Nostra

Matteo Messina Denaro ha sempre deciso sull'Agrigentino: era lui a prendere le decisioni strategiche

Relazione della Dia: i capimafia della provincia gli "riconoscono unanimemente l'ultima parola sull'investitura o sulla revoca di cariche di vertice all'interno dell'associazione"

"Matteo Messina Denaro - secondo quanto hanno sempre sostenuto investigatori e inquirenti - avrebbe mantenuto attive, nonostante l'interminabile latitanza, le comunicazioni con i capi delle famiglie agrigentine e un ruolo di rilievo per le decisioni strategiche". Lo hanno evidenziato, nel corso degli anni, le molteplici inchieste nelle quali - anche nell'Agrigentino - il "capo dei capi" è rimasto coinvolto. 

Arresto Messina Denaro, tutti i titoli di tv e quotidiani esteri

Secondo quanto emerse dalla relazione della Dia (secondo semestre 2020) sulla provincia di Agrigento, al latitante di Castelvetrano i capimafia della provincia "riconoscono unanimemente l'ultima parola sull'investitura o sulla revoca di cariche di vertice all'interno dell'associazione. Il boss sarebbe quindi a tutt'oggi (il riferimento temporale è legato alla relazione del secondo semestre 2020) in grado di assumere decisioni delicatissime per gli equilibri di potere in cosa nostra, nonostante la sua eccezionale capacità di eclissamento e invisibilità".

Arrestato in una clinica privata di Palermo, finisce dopo 30 anni la latitanza del boss Matteo Messina Denaro

L'arresto del "capo dei capi" Messina Denaro, in cura alla clinica Maddalena da oltre un anno

L'arresto del boss Matteo Messina Denaro, nel 2009 venne immortalato a Santa Margherita di Belìce

Nel novembre del 2021, anche l'allora procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio era stato chiaro: "Agrigento, per diversi anni è stato lo zoccolo duro della mafia tradizionale dei corleonesi, oggi si dice che la mafia agrigentina sia molto vicina a Matteo Messina Denaro che rappresenta l'ultimo baluardo della vecchia mafia". 

Il nuovo corso della mafia, il capo della Dia Vallone: "Nei cassetti hanno sempre pronti i kalashnikov e l'esplosivo”

L'ombra e le "mani" del boss Matteo Messina Denaro non veniva estese soltanto sull'area limitrofa - quella Saccense - al Trapanese. Ma sull'intera provincia di Agrigento. Le "decisioni strategiche" - stando a quanto è sempre emerso - le prendeva proprio lui: il boss di Castelvetrano. 

Mafia, l'ex primula rossa Matteo Messina Denaro trasferito in località segreta: ecco le immagini

"Grazie!": lacrime, abbracci e urla dopo l'arresto di Messina Denaro davanti alla Maddalena

Dall'incontro nell'ovile con Campo fino al litigio fra pm per l'arresto anticipato di Sutera: quel filo che lega l'ex superlatitante con l'Agrigentino

Arresto Matteo Messina Denaro, l'abbraccio fra i carabinieri e la gente

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matteo Messina Denaro ha sempre deciso sull'Agrigentino: era lui a prendere le decisioni strategiche

AgrigentoNotizie è in caricamento