rotate-mobile
Carabinieri del Ros

Arrestata la maestra Laura Bonafede: "Ha favorito la latitanza di Matteo Messina Denaro"

La figlia dello storico boss di Campobello di Mazara sarebbe stata per anni la donna del padrino, finito in manette lo scorso 16 gennaio

I carabinieri del Ros hanno arrestato per favoreggiamento e procurata inosservanza di pena aggravati dall'aver agevolato Cosa nostra Laura Bonafede, 55 anni, maestra di scuola elementare e figlia dello storico boss di Campobello di Mazara, Leonardo Bonafede. Per anni sarebbe stata la donna di Matteo Messina Denaro e farebbe parte della rete di complici che ha protetto il capomafia durante la latitanza. L'inchiesta è stata coordinata dal procuratore di Palermo Maurizio de Lucia, dall'aggiunto Paolo Guido e dal pm della Dda Gianluca de Leo.

Al momento sono in corso numerose perquisizione nella provincia di Trapani. L'operazione costituisce il proseguimento dell'indagine che il 16 gennaio ha portato all'arresto del boss latitante e di Giovanni Luppino, Andrea Bonafede, il medico Alfonso Tumbarello, la sorella del boss Rosalia Messina Denaro, Andrea Bonafede, Emanuele Bonafede e Ninfa Lorena Lanceri.

Laura Bonafede, il cui nominativo era già venuto fuori nel corso delle indagini sulla latitanza del padrino e immortalata dalle videocamere mentre parlava col boss al supermercato di Campobello due giorni prima del suo arresto, avrebbe provveduto alle necessità di vita quotidiana del latitante, gli avrebbe fatto la spesa per fargli avere rifornimenti temendo che potesse essere contagiato dal Covid e non potesse uscire, avrebbe condiviso con lui un linguaggio cifrato per tutelare l'identità di altri protagonisti della rete di protezione del boss e curato con maniacale attenzione la sua sicurezza.

La maestra sarebbe stata, dunque, uno dei perni intorno al quale ha ruotato la clandestinità di Messina Denaro già a partire dalla metà degli anni '90. Cugina del geometra Andrea Bonafede che ha prestato l'identità al boss, cugina del dipendente comunale, anche lui di nome Andrea Bonafede, che ha provveduto a fargli avere le ricette mediche necessarie alle terapie da affrontare per le cure del cancro, e di Emanuele Bonafede, uno dei vivandieri del padrino arrestato insieme alla moglie, la maestra è sposata con il mafioso ergastolano Salvatore Gentile, in cella per aver commesso due efferati omicidi su ordine proprio di Messina Denaro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestata la maestra Laura Bonafede: "Ha favorito la latitanza di Matteo Messina Denaro"

AgrigentoNotizie è in caricamento