Racket mafioso a due imprenditori, il pg: "Sentire in aula le vittime"

Imputato il boss Antonio Massimino, di recente tornato in carcere per l'accusa di detenzione di armi, e il presunto braccio destro Liborio Militello

Da sinistra Massimino e Militello

Sentire in aula i due imprenditori, ritenuti vittime di estorsione, per ascoltare la loro versione. È la richiesta del sostituto procuratore generale di Palermo, Rita Fulantelli, che vuole riaprire l’istruttoria al processo di appello a carico del boss Antonio Massimino, 50 anni, arrestato l’8 novembre del 2016 per l'ennesima volta con l'accusa di avere imposto il racket a due noti costruttori agrigentini, e del suo presunto braccio destro Liborio Militello, di un anno più grande. 

Presi con un arsenale in casa, zio e nipote restano in carcere

In primo grado, lo scorso 19 aprile, il gup di Palermo, Fabrizio Molinari, ha deciso l’assoluzione di Massimino, che tre settimane fa è tornato in carcere per possesso illegale di armi, e la condanna di Militello a quattro anni di reclusione. 

Sia i pm della Dda Claudio Camilleri e Alessia Sinatra che il difensore di Militello, l’avvocato Giovanni Castronovo (Massimino è difeso dall’avvocato Salvatore Pennica) hanno impugnato il verdetto e la vicenda sarà, adesso, interamente ridiscussa. 

Al centro del processo, svolto con rito abbreviato, tre episodi di racket mafioso ai danni degli imprenditori Ettore e Sergio Li Causi, padre e figlio, noti costruttori agrigentini che il pg, adesso, vuole sentire. La difesa si è opposta e la Corte deciderà l'8 marzo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Rimorchio si sgancia da tir e travolge auto: due feriti, uno in gravi condizioni

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento