Mafia e droga, la maxi inchiesta "Kerkent": il riesame conferma altri due arresti

Giuseppe Tornabene, 35 anni, di Agrigento e Angelo Cardella, 45 anni, di Porto Empedocle restano in carcere

Da sinistra Angelo Cardella e Giuseppe Tornabene

Altri due arresti confermati nell'ambito della maxi operazione antimafia "Kerkent" che, lo scorso 4 marzo, ha fatto scattare 34 arresti nei confronti dei presunti componenti del clan legato al boss Antonio Massimino. I giudici del tribunale del riesame hanno rigettato il ricorso della difesa di due indagati. Si tratta di Giuseppe Tornabene, 35 anni, di Agrigento, e Angelo Cardella, 45 anni, di Porto Empedocle.

Il boss Massimino chiede la scarcerazione

Tornabene è accusato di essere un componente dell’organizzazione dedita al narcotraffico mafioso: secondo gli inquirenti avrebbe fatto anche da autista a Massimino in una trasferta palermitana organizzata per acquistare un carico di droga. “Con Massimino – aveva replicato il suo difensore, l’avvocato Daniela Posante – aveva solo un rapporto personale e familiare, visto che era amico dei suoi figli, che nulla c’entra con la droga”.

Cade accusa principale per Puntorno

Una tesi simile è stata ribadita in aula dall’avvocato Santo Lucia, difensore del commerciante Angelo Cardella, anche lui accusato di far parte della rete di narcotraffico allestita dal capomafia, per la quale avrebbe messo a disposizione un appartamento, oltre che di alcune ipotesi di cessione. “La droga l’acquistava per uso personale, lo ha ammesso lui stesso. Per il resto c’erano solo rapporti personali e amicali con Massimino ma non aveva alcun ruolo nei suoi presunti affari illeciti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I giudici, alcuni giorni dopo l'udienza, hanno depositato le ordinanze le cui motivazioni saranno rese note nelle prossime settimane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento