menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La targa in memoria del commissario Cataldo Tandoj

La targa in memoria del commissario Cataldo Tandoj

Ben 57 anni fa il delitto di mafia, scoperta una targa in onore di Cataldo Tandoj

Oltre che l'allora capo della Squadra Mobile di Agrigento, viene ricordato anche lo studente liceale Antonio Damanti raggiunto da un proiettile vagante

Cinquantasette anni fa, il 30 marzo 1960, al viale della Vittoria, mentre rincasava con la moglie, veniva ucciso per mano mafiosa a colpi d'arma da fuoco, il commissario di Polizia, Cataldo Tandoj, allora capo della Squadra Mobile di Agrigento. Assieme a lui morì anche lo studente liceale, Antonio Damanti, che si trovava per caso a passare di lì, e che fu raggiunto da un proiettile vagante.

Questa mattina, per iniziativa del Cepasa di Agrigento presieduto da Paolo Cilona, il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, ha scoperto una lapide nei pressi del luogo dell'agguato. "Un silenzio di morte che parla forte" - dice la lirica di Stella Camillieri, declamata in occasione della scopertura, "che con il tempo esploderà per far conoscere la verità".  

Il commissario Cataldo Tandoj aveva indagato sull'omicidio del sindacalista Accursio Miraglia di Sciacca e sulla famiglia mafiosa di Raffadali che nel corso del processo venne ritenuta mandante dell'efferato delitto. Alle 16,30, sempre per iniziativa del Cepasa, nel salone del Distretto turistico, al viale della Vittoria, è in programma un convegno sulla figura del commissario di polizia, Cataldo Tandoj con interventi di Salvatore Fucà, Enzo Alessi, Mario Raso Enrico Quattrocchi, Michelangelo Taibi ed Elisa Cilona. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento