Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Blitz “Xydi”, il generale dei Ros Angelosanto: "Cosa Nostra è unita e Matteo Messina Denaro è il capo”

Il primo ufficiale del raggruppamento operativo speciale dell’Arma è giunto in città per complimentarsi con i suoi uomini

 

"Le indagini che abbiamo sviluppato nel corso di questi due anni, hanno confermato l’unitarietà della cosa nostra siciliana e questo è emerso dalle intercettazioni dei rappresentanti della provincia di Agrigento, del mandamento di Canicattì con gli altri rappresentanti di cosa nostra delle provincie di Palermo e di Trapani”. Queste, dai microfoni di AgrigentoNotizie, sono state le parole del generale Pasquale Angelosanto, comandante del Ros dei carabinieri, sul maxi blitz antimafia “Xydi”.

Mafia, scatta il blitz "Xydi": il Ros esegue 23 fermi: ci sono anche un avvocato, un ispettore e assistente della polizia
Mafia, scatta il blitz "Xydi": il Ros esegue 23 fermi: ci sono anche un avvocato, un ispettore e assistente della polizia
Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/mafia/operazione-mafia-ros-agrigento-23-fermi-avvocato-canicatti.html

“Dalle indagini – aggiunge il primo ufficiale del raggruppamento operativo speciale dell’Arma – è emerso anche che il latitante, Matteo Messina Denaro, è il capo di “cosa nostra” trapanese che ha saldamente nelle mani e che è anche punto di rifermento, nelle dialettiche che puntano al riconoscimento delle posizioni di vertice o a risolvere questioni di affari illeciti di questa componente agrigentina indagata che si rapportava con il trapanese. Da qui, l’evidenza chiara, che “cosa nostra” è un’organizzazione unitaria”.

Operazione antimafia "Xydi", ecco tutte le accuse rivolte ai 23 fermati

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento