Mercoledì, 20 Ottobre 2021

Blitz “Xydi”, il generale dei Ros Angelosanto: "Cosa Nostra è unita e Matteo Messina Denaro è il capo”

Il primo ufficiale del raggruppamento operativo speciale dell’Arma è giunto in città per complimentarsi con i suoi uomini

"Le indagini che abbiamo sviluppato nel corso di questi due anni, hanno confermato l’unitarietà della cosa nostra siciliana e questo è emerso dalle intercettazioni dei rappresentanti della provincia di Agrigento, del mandamento di Canicattì con gli altri rappresentanti di cosa nostra delle provincie di Palermo e di Trapani”. Queste, dai microfoni di AgrigentoNotizie, sono state le parole del generale Pasquale Angelosanto, comandante del Ros dei carabinieri, sul maxi blitz antimafia “Xydi”.

Mafia, scatta il blitz "Xydi": il Ros esegue 23 fermi: ci sono anche un avvocato, un ispettore e assistente della polizia
Mafia, scatta il blitz "Xydi": il Ros esegue 23 fermi: ci sono anche un avvocato, un ispettore e assistente della polizia
Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/mafia/operazione-mafia-ros-agrigento-23-fermi-avvocato-canicatti.html

“Dalle indagini – aggiunge il primo ufficiale del raggruppamento operativo speciale dell’Arma – è emerso anche che il latitante, Matteo Messina Denaro, è il capo di “cosa nostra” trapanese che ha saldamente nelle mani e che è anche punto di rifermento, nelle dialettiche che puntano al riconoscimento delle posizioni di vertice o a risolvere questioni di affari illeciti di questa componente agrigentina indagata che si rapportava con il trapanese. Da qui, l’evidenza chiara, che “cosa nostra” è un’organizzazione unitaria”.

Operazione antimafia "Xydi", ecco tutte le accuse rivolte ai 23 fermati

Sullo stesso argomento

Video popolari

Blitz “Xydi”, il generale dei Ros Angelosanto: "Cosa Nostra è unita e Matteo Messina Denaro è il capo”

AgrigentoNotizie è in caricamento