rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Cronaca Licata

L'inchiesta antimafia "Assedio", il gip rimette in libertà il consigliere fermato

Secondo il giudice Stefano Zammuto il quadro indiziario non è sufficiente: "Ha chiesto i voti al capomafia Occhipinti ma non c'è la prova che abbia offerto qualcosa in cambio". Convalidati tutti gli altri fermi

"C'è la prova, contrariamente a quanto ha detto durante l'interrogatorio, che abbia chiesto e ottenuto i voti dal capomafia Angelo Occhipinti ma non emerge in maniera chiara una contropartita che possa aver rafforzato Cosa Nostra": il gip Stefano Zammuto non ha convalidato il fermo di Giuseppe Scozzari, 47 anni, responsabile dell'ufficio tecnico del San Giacomo d'Altopasso e consigliere comunale, dimessosi ieri dopo l'interrogatorio. Il funzionario è stato scarcerato. 

Scozzari, difeso dall'avvocato Angelo Balsamo, è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. 

Secondo i pm della Dda Geri Ferrara e Claudio Camilleri, che hanno firmato il fermo, il geometra responsabile dell'ufficio tecnico dell'ospedale di Licata, approfittando della posizione strategica all'interno del San Giacomo d'Altopasso, avrebbe messo a disposizione del capomafia Occhipinti la struttura, garantendo visite e prestazioni specialistiche indebite alla consorteria mafiosa di Licata sgominata con l'operazione dei carabinieri".

Gli altri fermati dell'operazione antimafia "Assedio", che avrebbe sgominato le famiglie mafiose di Licata e Campobello, oltre al quarantaseienne consigliere comunale e allo stesso Occhipinti, sono: Raimondo Semprevivo, 47 anni; Vincenzo Bellavia, 34 anni; Angelo Graci, 31 anni; Giuseppe Puleri, 39 anni e Giuseppe Salvatore Spiteri, 46 anni. Il gip ha convalidato tutti i fermi e disposto il carcere, per tutti, tranne che per Semprevivo (difeso dall'avvocato Angela Porcello) nei cui confronti ha disposto l'applicazione degli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'inchiesta antimafia "Assedio", il gip rimette in libertà il consigliere fermato

AgrigentoNotizie è in caricamento