menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I martiri della mafia ricordati in tribunale con gli scatti di Lavinia Caminiti

Iniziativa dell'Associazione nazionale magistrati, il presidente Giuseppe Miceli: "Avviciniamo i più giovani alle istituzioni"

“Con l’allestimento della mostra di Lavinia Caminiti, vogliamo avvicinare gli studenti e le giovani generazioni alle istituzioni giudiziarie parlando loro delle vite spezzate dalla mafia e dall’indifferenza”.

Il giudice Giuseppe Miceli, presidente della sezione agrigentina dell’Associazione nazionale magistrati, il sindacato delle toghe, spiega così il senso dell’iniziativa artistica e culturale che, da ieri e fino al 9 novembre, sarà realizzata al primo piano del tribunale di Agrigento.

Una mostra che unisce storia, fotografia e cronaca con un unico filo conduttore rappresentato dalle vittime della mafia. “Invisibili”, è il nome della mostra itinerante con sottotitolo: “Vittime della mafia e dell’indifferenza”. I pannelli sono stati collocati al primo piano del tribunale, accanto all’aula Livatino. Ognuno ricorda una o più vittime della mafia con una foto simbolo e la prima pagina dei giornali del passato che ricordano il tragico evento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento