rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Agrigento, i consiglieri M5s chiedono la disinfestazione

I consiglieri comunali del Movimento Cinque Stelle, Marcello La Scala e Marcella Carlisi, e l'attivista Elio Di Bella chiedono di «avviare subito le operazioni di disinfestazione, derattizzazione, pulizia straordinaria del centro abitato di Agrigento e delle periferie»

 I consiglieri comunali del Movimento Cinque Stelle, Marcello La Scala e Marcella Carlisi, e l’attivista Elio Di Bella chiedono di «avviare subito le operazioni di disinfestazione, derattizzazione, pulizia straordinaria del centro abitato di Agrigento e delle periferie».

Nella stessa nota affermano che già lo scorso primo aprile l’Azienda sanitaria provinciale ha segnalato al Comune i gravi e concreti rischi per la salute pubblica che deriverebbero dal procrastinare gli interventi di competenza comunale.

«I cicli biologici di sviluppo di microrganismi patogeni non sono minimamente influenzati dai tempi della ''burocrazia" delle Amministrazioni. La lotta alle zanzare, per esempio, risulta efficace solo se viene assicurato un intervento larvicida (da effettuare entro il mese di aprile) seguito da un intervento sullo stato adulto (da effettuarsi nei mesi successivi)” si legge nella nota dell’Asp. Negli ultimi anni - dicono - il Comune di Agrigento ha realizzato le operazioni di disinfestazione solo nel mese di agosto, attivando quindi solo la lotta adulticida delle zanzare con prodotti chimici. Secondo L’Asp invece “le operazioni di bonifica ambientale dovrebbero iniziare '"da ora", se si vuole che le successive operazioni di disinfestazione sortiscano gli effetti sperati. La derattizzazione dovrebbe essere accompagnata da un serio intervento di pulizia delle aree libere e degli spazi pubblici confinanti, al fine di evitare un incremento di malattie veicolate da insetti e roditori. Occorrerebbe quindi avviare subito la lotta larvicida, utilizzando rimedi naturali biologici ed ecocompatibili. Ricordiamo che la presenza della zanzara "Tigre" (Aedes Albopictus) è stata accertata dall'Asp di Agrigento nel territorio agrigentino. Le ditte che sono state incaricate di eseguire i vari trattamenti utilizzano prodotti chimici e ai cittadini si raccomanda di tenere chiuse le finestre e di non stendere panni all’esterno quando viene svolta l’operazione di disinfestazione.
In diversi comuni italiani invece da tempo sono in fase di sperimentazione metodi biologici per la lotta contro le zanzare e contro i parassiti. Sarebbe opportuno seguire il loro esempio», concludono nella nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agrigento, i consiglieri M5s chiedono la disinfestazione

AgrigentoNotizie è in caricamento