menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Linguaggio scurrile contro subordinato, annullata censura a poliziotto penitenziario

Linguaggio scurrile contro subordinato, annullata censura a poliziotto penitenziario

Linguaggio scurrile contro subordinato, annullata censura a poliziotto penitenziario

La sanzione disciplinare è stata annullata dal presidente della Repubblica

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano ha annullato una sanzione disciplinare nei confronti di P.G., ispettore di polizia penitenziaria in servizio ad Agrigento. L'uomo aveva subito l'irrogazione della censura per avere asseritamente usato un linguaggio scurrile nei confronti di un subordinato. L'ispettore, assistito dall'avvocato Girolamo Rubino, ha proposto un ricorso straordinario al capo dello Stato lamentando una grave forma di eccesso di potere sotto il profilo del difetto di istruttoria e di contraddittorietà manifesta.

Il Consiglio di Stato sezione 3, condividendo le censure formulate dall'avvocato Rubino, ha espresso parere favorevole all'accoglimento del ricorso, ritenendo l'addebito contrastante con i brillanti precedenti di servizio del ricorrente, ritualmente documentati dalla difesa. Pertanto nel fascicolo personale dell'ispettore di polizia penitenziaria non vi sarà traccia dell'azione disciplinare intrapresa nei suoi confronti ai fini della progressione di carriera.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento