menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una pattuglia dei carabinieri

Una pattuglia dei carabinieri

"Vendeva cannabis senza avere più le autorizzazioni": sequestrati 23 chili di "erba" e arrestato 47enne

Inizialmente, l'indagato è stato posto ai domiciliari. Il gip ha convalidato ed ha disposto a carico dell'uomo l'obbligo di dimora

Vendeva cannabis, in un negozio di caffè, senza avere più le necessarie autorizzazioni. E' per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio che un licatese di 47 anni è stato arrestato dai carabinieri. All'interno di quell'esercizio commerciale - nel centro di Licata -, i militari dell'Arma hanno sequestrato ben 23 chilogrammi di marijuana. L'arresto, nelle ultime ore, è stato convalidato e il gip ha posto - a carico dell'indagato - l'obbligo di dimora a Licata. 

I carabinieri della compagnia di Licata - dopo gli arresti per i maltrattamenti dei disabili lungo le strade della città e dopo la denuncia alla Procura del piromane che ha "seminato" distruzione ai cassonetti dei rifiuti - hanno continuato ad intensificare i controlli. Nei giorni scorsi, fra l'altro, s'è tenuto - al Municipio - un comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, a margine del quale sono stati garantiti, appunto, maggiori controlli. Ed è proprio durante queste verifiche che i carabinieri hanno fatto scattare l'arresto del quarantasettenne. 

I militari dell'Arma - cercando di riprisinare la legalità - hanno controllato quel negozio che vendeva cannabis. Nel giro di pochi minuti è stato accertato che il titolare non aveva più le autorizzazioni per farlo, autorizzazioni che gli erano state appunto revocate. S'è configurata dunque l'ipotesi di reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e il 47enne è stato arrestato. Sequestrata, ai fini della distruzione, anche tutta la marijuana che è stata trovata all'interno: bern 23 chilogrammi. Inizialmente, l'uomo è stato posto ai domiciliari. Nelle ultime ore, è arrivata - a palazzo di giustizia - la convalida dell'arresto. Il gip ha disposto l'obbligo di dimora a Licata.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento