menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
FOTO ARCHIVIO

FOTO ARCHIVIO

"Tenta di uccidere a coltellate il nuovo compagno della madre", chiesta convalida dell'arresto

Il ventenne Francesco Amatore è stato bloccato dopo avere sferrato un fendente alla nuca dell'uomo

Il ventenne Francesco Amatore, arrestato lunedì sera dai carabinieri con l'accusa di tentato omicidio, comparirà questa mattina davanti al gip Stefano Zammuto che, al termine dell'udienza, dovrà decidere se convalidare il provvedimento ed eventualmente quale misura cautelare applicare.

Il giovane, che ha nominato come difensore l'avvocato Francesco Lumia, è accusato di avere inferto una coltellata alla nuca al giovane compagno della madre. Lunedì pomeriggio, al pronto soccorso dell’ospedale “San Giacomo d’Altopasso” di Licata è arrivato, con una brutta ferita da arma da taglio alla nuca, un ventisettenne. I carabinieri, avvisati dai medici, in poche ore, hanno interrogato il ferito ed è scattato l'arresto per il ventenne che è stato trasportato in carcere dove, questa mattina alle 10,30, sarà interrogato dal giudice.

All'origine del gesto pare ci sarebbe la gelosia dell'indagato nei confronti dell'uomo con cui avrebbe avuto diversi litigi. Fino all'aggressione di lunedì che per poco non scaturiva in tragedia. Ad impedire che il giovane potesse completare l'opera sarebbe stata la madre del ragazzo. Il ferito è stato sottoposto ad una serie di accertamenti, per lui la prognosi è di dieci giorni. L'uomo, quindi, è stato dimesso. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento