rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Licata

"Perseguita la moglie e la isola levandole cellulare e pc", 48enne a processo per stalking

La presunta vittima sarebbe stata ripetutamente insultata, minacciata e pedinata. La donna è accusata, invece, di minaccia ai danni della suocera

Perseguita la moglie con insulti, minacce, pedinamenti e soprusi: per isolarla le avrebbe tolto il cellulare, bloccato l'accesso al pc e non le avrebbe consentito di usare l'auto. Un quarantottenne di Licata finisce a processo con le accuse di stalking.

La donna con cui è in corso la separazione, a sua volta, è accusata di minaccia ai danni della suocera alla quale avrebbe rivolto la frase: "Vi farò morire". Il 3 marzo davanti al giudice Francesco Provenzano si discuteranno le due posizioni. Ci saranno le conclusioni per il quarantottenne che attraverso il suo difensore, l'avvocato Francesco Lumia, ha chiesto il rito abbreviato, mentre si discuterà sulla richiesta di rinvio a giudizio della donna (difesa dall'avvocato Angelo Benvenuto). La suocera, peraltro, assistita dal legale Rosanna Scrimali, si è costituita parte civile.

Gli episodi al centro della vicenda risalgono a partire dal 2019. Alla donna, fra le altre cose, sarebbe stato pure impedito di ricevere la posta e le sarebbe stato praticato un controllo rigido degli esborsi economici. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Perseguita la moglie e la isola levandole cellulare e pc", 48enne a processo per stalking

AgrigentoNotizie è in caricamento