menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto archivio

Foto archivio

"Sesso con disabile la notte di Capodanno", assolto in appello operatore di una comunità

I giudici ribaltano la sentenza con cui erano stati inflitti tre anni di reclusione al trentunenne. La difesa: "I fatti erano diversi rispetto a quelli raccontati dalla vittima"

"Assoluzione perchè il fatto non sussiste": i giudici della Corte di appello di Palermo cancellano la condanna a 3 anni di reclusione inflitta dai giudici del tribunale di Agrigento nei confronti di Angelo Saverini, 31 anni, operatore di una comunità di Licata, accusato di avere compiuto degli atti sessuali con una disabile di 16 anni la notte di Capodanno del 2013.

Il processo scaturisce dall’inchiesta sulla “comunità degli orrori” di Licata che ha già portato alla condanna del principale imputato, Carmelo Angelo Grillo, 54 anni. Lo stesso Saverini, in un primo momento, era finito a processo pure con l’accusa di favoreggiamento nei suoi confronti. L’imputazione scaturiva dalle dichiarazioni, fatte durante le indagini, con cui Saverini avrebbe fornito un falso alibi a Grillo per sviare gli inquirenti che stavano cercando di mettere a fuoco tutti gli aspetti dell’inchiesta. Questa vicenda, dopo la riqualificazione dell'accusa originaria, non ha ancora portato ad una sentenza.

In seguito la Procura ha accertato altri presunti abusi che sarebbero stati commessi nella comunità di Licata e lo ha mandato a processo per un’ipotesi di atti sessuali con minorenne. Accusa per la quale il pg e la parte civile avevano chiesto la conferma della condanna. Il difensore, l'avvocato Francesco Lumia, aveva sostenuto che l'imputato andasse assolto, innanzitutto perchè non corrispondeva a vero che la disabile fosse affidata alle sue cure "svolgendo mansione di inserviente e cuoco" e poi perchè l'iniziativa degli atti sessuali, secondo quanto sarebbe emerso dalle testimonianze, secondo la difesa, sarebbe arrivata dalla ragazzina. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento