menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Preso con un piccolo arsenale nel box ma non era suo", assolto ventisettenne

Mario Savio Incorvaia era stato arrestato insieme al fratello che aveva già patteggiato

I giudici della seconda sezione penale, presieduta da Wilma Angela Mazzara, hanno assolto il ventiduenne di Licata, Mario Savio Incorvaia, arrestato il 2 aprile del 2016 insieme al fratello Angelo, di tre anni più giovane, dopo che, in un box di loro proprietà, sono state trovate delle armi e delle munizioni clandestine.

Mario Savio Incorvaia, difeso dall'avvocato Santo Lucia, è stato assolto (il fratello, invece, ha patteggiato) perché, come sottolineato pure dal pm, non è emersa la prova dell'utilizzo di quel box al cui interno furono trovati una pistola e un fucile, illegalmente detenuti e circa 350 cartucce di vario calibro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'accademia delle Belle arti dona quindici quindici quadri al Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Gioca 10 euro e ne vince 2milioni: caccia al fortunato di Cattolica Eraclea

  • Cronaca

    Un agrigentino a "Uomini e donne", Gero Natale debutta su Canale 5

  • Sport

    L'ex "portierone" Daniele Indelicato vola a Dubai: affiancherà Sosa

Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento