"Piantagione di cannabis in riva al mare", arrestato un 31enne

Sequestrati oltre 20 chili di stupefacente che, sulla piazza, avrebbe fruttato oltre 10 mila euro. I carabinieri stavano controllando le località balneari per scongiurare eventuali assembramenti in spiaggia

Coltivazione di sostanze stupefacenti. E' per quest'ipotesi di reato che i carabinieri della compagnia di Licata, ieri, hanno arrestato un 31enne. Nelle pertinenze della sua abitazione, in riva al mare, è stata trovata - secondo l'accusa - una vera e propria piantagione con circa 180 piante di cannabis pronte per l’essiccazione.

I militari della sezione Operativa della compagnia di Licata, ieri pomeriggio, stavano pattugliando in borghese su auto civetta, le spiagge per prevenire eventuali assembramenti. Ad un certo punto, mentre scrutavano i villini che si affacciano sul lungomare, hanno notato qualcosa di anomalo sul retro di una delle case. Hanno deciso di approfondire. Il proprietario dell’abitazione, quando ha capito che si trattava di una vera e propria perquisizione, si è dimostrato subito inquieto ed esitante, rafforzando così i sospetti dei carabinieri. Dalle stanze della casa, in particolare dalla camera da letto del 31enne, che sembrava essere un “insospettabile”, - ricostruiscono dal comando provinciale dell'Arma - sono cominciati a saltare fuori semi di cannabis, un bilancino e alcune dosi di “erba” già confezionata, tanto da far immaginare ai militari un viavai di potenziali clienti in casa.

La perquisizione si è estesa fino al terreno agricolo collegato all’abitazione, in contrada Caduta, dove i militari hanno scoperto una vasta piantagione di cannabis, attrezzata con impianti di illuminazione ed irrigazione: ben 180 piante già cresciute anche fino a un metro e mezzo e pronte per essere essiccate, oltre a 500 grammi di stupefacente già pronto per la distribuzione al dettaglio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri hanno estirpato e sequestrato tutte le piante. Dopo le analisi di laboratorio per capire il principio attivo dello stupefacente, queste verranno distrutte. In tutto, si tratta di oltre 20 chili di stupefacente che, sulla piazza, avrebbe fruttato oltre 10 mila euro. Per l’uomo sono scattate le manette, con l’accusa di coltivazione di sostanze stupefacenti. Il 31enne è ora agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

  • Vigile del fuoco e operaio dell'aeroporto positivi al Coronavirus: nuovo caso anche a Cattolica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento