Pestaggio dopo l'incidente stradale, vittima conferma accuse in aula

Il giovane ha raccontato l'aggressione: "Volevo chiamare mio nonno per chiedere cosa fare ma sono stato picchiato prima con uno schiaffo e poi con una tenaglia"

FOTO ARCHIVIO

"Notai che Semprevivo era un pò nervoso, mi allontanai per chiamare al telefono mio nonno perché non avevo mai avuto incidenti e non sapevo cosa fare. Lui, invece, si avvicinò e mi diede uno schiaffo. Poi venne il figlio e mi prese a colpi di tenaglia in testa".

La vittima ventiduenne dell'aggressione racconta in aula il pestaggio subito dopo l'incidente stradale con l'intervento in soccorso del figlio dell'altro automobilista e di un terzo complice mai individuato: due licatesi - Antonio Semprevivo, 54 anni e il figlio Giuseppe Danjel, 25 anni - sono finiti a processo per le accuse di lesioni aggravate e minaccia. Nell'ultima udienza è stata ascoltata la vittima, che si è costituita parte civile con l'assistenza dell'avvocato Angelo Benvenuto e ha riconosciuto pure in foto i due imputati.

L'episodio al centro del processo, che si sta celebrando davanti al giudice Alfonso Pinto, risale al 28 giugno del 2017. I due imputati, che hanno nominato come difensore l'avvocato Antonio Ragusa, insieme a una persona non identificata, avrebbero picchiato un automobilista con cui Antonio Semprevivo aveva avuto un tamponamento. 

La presunta vittima sarebbe stata colpita con una tenaglia in varie parti del corpo e poi, una volta finita a terra, picchiata con calci e pugni. L'accusa di lesioni è aggravata dall'avere agito "per motivi futili e abbietti e con crudeltà, con l'utilizzo di uno strumento atto a offendere".

L'automobilista sarebbe stato anche minacciato di morte da Antonio Semprevivo che gli avrebbe "promesso" di tagliargli la testa e ammazzarlo. Nei loro confronti scattò anche il divieto di dimora a Licata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento