"Disabili psichichi incatenati e maltrattati", chiesto rinvio a giudizio per 8 responsabili della "comunità degli orrori"

L'inchiesta "Catene spezzate" approda in aula per l'udienza preliminare: la struttura gestita dalla cooperativa Suami sarebbe stata un vero e proprio lager

Un momento dell'operazione

Disabili psichici incatenati e maltrattati. Sottoposti a ripetute violenze fisiche e psicologiche: la maxi inchiesta "Catene spezzate", che nel 2015 fece scattare alcune misure cautelari, è approdata in aula per l'udienza preliminare.

Il pubblico ministero Chiara Bisso ha chiesto il rinvio a giudizio di otto, fra responsabili e operatori di quella che fu ribattezzata come la "comunità degli orrori". La struttura di accoglienza di Licata, negli anni successivi, finì al centro di un'altra inchiesta - conclusa con i patteggiamenti - su un giro di estorsioni ai danni di dipendenti. 

Si tratta di Salvatore Lupo, 45 anni, di Favara; Caterina Federico, 37 anni; Angelo Federico, 33 anni; Domenico Savio Federico, 29 anni; Giovanni Cammilleri, 30 anni; Salvatore Gibaldi, 43 anni; Maria Cappello, 50 anni e Angela Ferranti, 53 anni, tutti di Licata. 

Uno degli episodi principali al centro dell’inchiesta è stato immortalato dalle telecamere dei carabinieri, piazzate di nascosto dopo essere entrati nella struttura insieme ai pompieri simulando una fuga di gas. Nelle immagini si vede un paziente legato al letto con una catena. Ed è stato proprio questo episodio a suggerire agli inquirenti il nome del blitz “Catene spezzate” anche se la tesi della difesa (nel collegio gli avvocati Salvatore Manganello, Linda Sabia, Santo Lucia, Antonio Montana, Gaetano Timineri e Domenico Russello) è che la catena sia stata usata “per contenere il disabile ed evitare che commettesse gesti autolesionistici”.

Proprio su questo aspetto la difesa, questa mattina, ha chiesto al giudice dell'udienza preliminare Francesco Provenzano di visionare il video per confermare la loro versione. Il giudice, sul punto, si è riservato. Via libera, invece, alla trascrizione di tutte le intercettazioni. L'incarico al perito sarà dato il 29 ottobre. Sempre questa mattina si sono costituiti parte civile il Comune di Troina (città di residenza di una delle presunte vittime), un'associazione che si occupa di disabilità e gli stessi disabili. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La procura ipotizza che i disabili sarebbero stati sottoposti a gravi privazioni, fra cui il digiugno forzato e l'isolamento dai familiari, oltre che costretti a stare in ambienti sporchi e fare lavori degradanti come - ad esempio - la pulizia di una cisterna. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento