"Nell'attentato incendiario allo zio di uno di loro morì la nonna", i medici li scagionano

I periti sono sicuri: "Aveva un grave enfisema ed è morta per questo, il fumo non c'entra"

Da sinistra Calla e Sanfilippo

Non c’è alcun nesso fra il fumo provocato dall'incendio e la morte dell’ottantenne Alessandra De Simone. È quanto hanno sostenuto in aula il medico legale Giuseppe Ragazzi e il chirurgo toracico Carmelo Corrado Riscica Lizzio, i periti incaricati dalla Corte di assise di Agrigento, presieduta da Luisa Turco, di fare luce sul grande interrogativo del processo a carico di due giovani accusati dell'omicidio volontario dell'anziana.

Il dibattimento, finora, non aveva chiarito in maniera certa se, a ucciderla, è stato l'incendio appiccato dagli imputati o le possibili patologie pregresse della donna. I dubbi non erano stati sciolti dai medici curanti dell'anziana, chiamati all'ultima udienza a dare la loro versione. Ieri, in aula, è arrivata la risposta, del tutto netta e tranciante. “Aveva un grave enfisema ed è morta per questo, il fumo non può neppure avere inciso perché in questi casi o si muore subito e non succede nulla”. Il processo è quello a carico dei licatesi Andrea Sanfilippo, 26 anni, e Ignazio Callea, 27 anni, accusati dell'omicidio dell'anziana, nonna del primo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due pregiudicati furono arrestati il 30 agosto del 2009, perché, con l’obiettivo di costringere lo zio di Sanfilippo a pagare delle somme di denaro, gli avrebbero incendiato l’automobile, posteggiata in via Gioberti, a Licata. Il fumo provocato dal rogo, invece, invase l’abitazione della donna che fu ricoverata e morì dopo cinquanta giorni di agonia. Si torna in aula il 31 gennaio con la requisitoria del pm Gloria Andreoli e le arringhe difensive degli avvocati Calogero Meli e Giuseppe D'Aquì. L'esito del processo, tuttavia, appare scontato sulla base della perizia medico legale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

  • Si sente male in spiaggia e si accascia, inutili i soccorsi: muore 66enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento