"Insulti razzisti a giovane calciatore di colore", chiesta archiviazione per arbitro

Il legale e presidente dell'Akragas Giovanni Castronovo insiste e chiede al gip di mandare a processo il ventiduenne fischietto che avrebbe detto "sporco negro" a un suo giocatore

Giovanni Castronovo

"Sporco negro vai via dal campo", con questi insulti razzisti l'arbitro avrebbe etichettato un calciatore della Parmonval. Dopo il Daspo di un anno, deciso dalla Questura in seguito alle indagini e alla squalifica di quattro mesi decisa dalla federazione, che decorrerà dopo il primo provvedimento, la vicenda approda in un’aula di tribunale.

Il pubblico ministero Emiliana Busto, in realtà, chiede che il procedimento, avviato per l’accusa di diffamazione con l’aggravante dell’odio razziale in seguito alla denuncia di Kabila Colley, ventenne gambiano che militava nella Juniores della squadra palermitana, sia archiviato. “Le testimonianze di compagni e avversari – scrive il magistrato della Procura – non hanno consentito di arrivare a una ricostruzione univoca dei fatti e, in definitiva, a confermare la versione riferita nel giovane”.

Il ragazzo, attraverso il suo legale Giovanni Castronovo, ex direttore generale della Parmonval e attuale presidente dell’Akragas, che di professione fa l’avvocato penalista, ha presentato un’opposizione che sarà discussa nel corso di un’udienza fissata per il 31 marzo davanti al giudice Stefano Zammuto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’episodio risale al 7 maggio scorso, durante la finale regionale di calcio Juniores tra la squadra palermitana Parmonval Mondello e Camaro Messina, disputata a Ravanusa. Per ben due volte Cristian De Caro - 22enne arbitro di Licata - avrebbe insultato il giovane che vive in una comunità per minori stranieri a Palermo. Tre le ipotesi: disporre nuove indagini, accogliendo la richiesta del legale o indicando nuovi spunti istruttori da eseguire, accogliere la richiesta del pm e, quindi, archiviare l’inchiesta oppure disporre l’imputazione coatta e ordinare al pm di chiedere il rinvio a giudizio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • Tornano a casa e la trovano occupata: scoppia il caos a Villaseta

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento