Il furto dello scooter, ex consigliere al boss: "Devo andare a fare la denuncia, la metto di lato giusto?"

Per i magistrati della Dda, questo è un episodio "espressivo della notoria capacità di Angelo Occhipinti di presidiare qualunque attività delittuosa operante a Licata"

(foto ARCHIVIO)

“Senti Angelo, ti devo dire una cosa, però non voglio che ci rimani male e cose… lo sai il motorino rosso? ... lo avevo lasciato fuori e stanotte ... stamattina non l'ho trovato… perchè appena vengo devo andare a fare la denuncia e la metto di lato ... giusto?”. E' il 10 agosto del 2018 quando i carabinieri di Licata che stanno già sviluppando l'inchiesta antimafia "Assedio" captano questa conversazione all'interno del magazzino di via Palma. Per i magistrati della Dda di Palermo si tratta di un episodio "espressivo della notoria capacità di Angelo Occhipinti di presidiare qualunque attività delittuosa operante a Licata".

Il gip rimette in libertà il consigliere fermato

A rivolgersi al presunto reggente della "famiglia" di Licata sarebbe stato un ex consigliere comunale di Licata che avrebbe chiesto - stando a quanto emerge dal provvedimento di fermo firmato dai Pm Claudio Camilleri e Gery Ferrara - "un interessamento affinchè questi si attivasse per rinvenire il ciclomotore che gli era stato rubato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"C'è oro assai e si va a coricare senza chiudere il portone": ecco come il ladro chiese l'autorizzazione 

"L’episodio, ricostruito nell’informativa, appare profondamente significativo della diffusa convinzione che Occhipinti - scrivono i pubblici ministeri della Direzione distrettuale antimafia di Palermo - in forza delle prerogative correlate al suo status mafioso, possa addirittura intervenire con effetto risolutivo in sostituzione dell’Autorità giudiziaria e delle forze di polizia, con l’ulteriore elemento di preoccupazione nel caso di specie derivante dal fatto che a rivolgersi ad un soggetto notoriamente mafioso sia questa volta addirittura un esponente delle istituzioni". 

Vigilantes e cani di grossa taglia per blindare il "quartier generale"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Il crack del gruppo Pelonero, Patronaggio: "Così la famiglia ha fatto sparire milioni di euro da un’azienda all’altra"

  • Operazione "Malebranche", colpito il gruppo Pelonero: 13 misure cautelari

  • Primo caso di Covid a San Giovanni Gemini: è uno studente che è stato in Lombardia

  • "Società aperte con capitale irrisorio, impennata con volume di affari milionario e tracollo pilotato": ecco il sistema "Pelonero"

  • Valle dei Templi gratis per tutti, gli arancini di Camilleri ed il Jazz: ecco il week end

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento