Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca

Fucilata ad un aquilotto di specie protetta, non potrà più volare

L'uccello si trova ricoverato al centro di recupero Cts di Cattolica Eraclea. Nonostante l'intervento chirurgico al quale è stato sottoposto, sono gravi i danni riportati

L'aquilotto ferito

Una fucilata ad una ala. Un aquilotto di Bonelli è stato recuperato dal personale del Wwf di Licata ed è stato portato - secondo quanto rende noto Geapress - al centro di recupero Cts di Cattolica Eraclea. 

Si tratta di una animale raro e protetto che quasi certamente, nonostante l'intervento chirurgico al quale è stato subito sottoposto, non potrà più volare.

La fucilata, secondo gli esperti, ha provocato, infatti, per come sono stati definiti dal gruppo Tutela Rapaci, danni “devastanti”.

La Sicilia rappresenta l'unica porzione del territorio italiano in cui è accertata la presenza e la nidificazione della specie protetta.  

"E questo non è che un altro episodio - scrive il Gruppo Tutela Rapaci - dopo le notizie dei giorni scorsi su abbattimenti di cicogna bianca, cicogna nera, poiane e gheppi in Sicilia. A quanto un controllo più accurato del territorio da parte delle autorità competenti? Perché allora non seguire l'esempio di altre nazioni che in concomitanza con episodi di tal genere hanno decretato l'interruzione dell'attività venatoria?". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fucilata ad un aquilotto di specie protetta, non potrà più volare

AgrigentoNotizie è in caricamento