"Evade dai domiciliari per andare in ospedale", assolto 46enne

L'uomo si è giustificato dicendo di essere stato costretto ad uscire da casa per via delle numerose patologie di cui soffre

FOTO ARCHIVIO

"Ero autorizzato dal tribunale di sorveglianza ad uscire per andare in ospedale perché ho diverse patologie, dovevo solo chiamare ma non sono riuscito a farlo". Calogero Spiteri, 46 anni, di Licata, si difende così al processo e il giudice Giuseppe Sciarrotta, alla fine, lo ha assolto dall'accusa di evasione "per particolare tenuità del fatto".

L'imputato, difeso dall'avvocato Angelo Benvenuto che aveva scelto il giudizio abbreviato condizionato proprio all'audizione dell'imputato, è accusato di essere evaso, il 15 gennaio del 2018, dall'abitazione dove doveva scontare una condanna per un furto di ferro in una scuola.

A denunciarlo furono i poliziotti che lo hanno notato per strada su un motociclo. La vicenda, quindi, è approdata in aula per il processo durante il quale è stata pure disposta una perizia psichiatrica, eseguita dal medico Cristina Camilleri, che ha, tuttavia, escluso la sua capacità di intendere e volere.

Il pubblico ministero Manola Cellura aveva chiesto la condanna a un anno. La difesa ha insistito a lungo sulla circostanza che l’imputato avesse numerose patologie e che era questo il motivo del suo allontanamento, dovendosi recare in ospedale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento