Cronaca Licata

Quattro colpi di pistola contro l'auto e sacchetto di proiettili sul parabrezza, imprenditore nel mirino

“Bersaglio” dell’intimidazione: un licatese quarantasettenne, socio di un’agenzia di onoranze funebri. L'uomo è stato già ascoltato dai carabinieri che si stanno occupando delle indagini

Quattro colpi di pistola contro la carrozzeria del suv e un sacchettino, ricolmo di proiettili inesplosi, lasciato sul parabrezza. “Bersaglio” dell’intimidazione: un licatese quarantasettenne, socio di un’agenzia di onoranze funebri. L’inquietante “messaggio” è stato recapitato durante la notte fra lunedì e ieri alla periferia di Licata. Ad indagare, provando a tracciare la giusta pista investigativa, sono i carabinieri della compagnia di Licata che hanno sequestrato il sacchettino e l’autovettura.

Nella zona dove è stato messo a segno l’avvertimento – stando a quanto trapelava ieri – non sono presenti telecamere di video sorveglianza, né pubbliche e nemmeno private. Un dettaglio, questo, che non è affatto di poco conto. La presenza dei “grandi occhi” avrebbe potuto, rapidamente, far percorrere la giusta strada investigativa ai militari dell’Arma.

I quattro colpi di pistola sono stati esplosi – stando a quanto trapelava ieri dal fitto riserbo investigativo – a distanza ravvicinata. Verosimilmente pochi istanti prima, il delinquente o i delinquenti avevano lasciato – per essere ancora più espliciti – il sacchettino con i proiettili inesplosi. Fatta la scoperta, è stato subito lanciato l’allarme e nella zona dell’intimidazione si sono precipitati i carabinieri. I militari dell’Arma hanno subito sentito il proprietario della macchina per cercare di stabilire se la vittima avesse o meno dei sospetti. Ieri, non filtravano indiscrezioni al riguardo. Gli investigatori hanno cercato anche altre testimonianze, dei residenti della zona. La procedura è del resto sempre la medesima: s’è cercato di capire se qualcuno avesse sentito o visto qualcosa di particolare, ma anche se nelle ore immediatamente precedenti fossero state notate strane, inusuali, presenze. L’ipotesi investigativa avanzata ieri – che avrà bisogno del prosieguo delle indagini per essere suffragata – sembrava escludere estorsione e pizzo.

Appare scontato che anche nei prossimi giorni, il “bersaglio” dell’intimidazione possa tornare ad essere ascoltato. Le sue parole potrebbero, del resto, essere determinanti per il lavoro dei carabinieri. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quattro colpi di pistola contro l'auto e sacchetto di proiettili sul parabrezza, imprenditore nel mirino

AgrigentoNotizie è in caricamento