Blitz "Assedio", ecco tutte le accuse mosse dalla Dda ai sette fermati

Nove complessivamente gli indagati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo. Il “promotore e organizzatore” sarebbe stato Angelo Occhipinti, inteso “Piscimoddu”, 64 anni

I fermati dell'operazione "Assedio"

I carabinieri del reparto Operativo di Agrigento, quelli della compagnia di Licata e la Dda di Palermo, non hanno dubbi. Il “promotore e organizzatore” sarebbe stato Angelo Occhipinti, inteso “Piscimoddu”, 64 anni, di Licata. I 7 provvedimenti di fermo – 9 complessivamente gli indagati - sono stati emessi dalla Direzione Distrettuale Antimafia. L'inchiesta è coordinata dal procuratore Francesco Lo Voi, dall'aggiunto Paolo Guido e dai pm Claudio Camilleri e Gery Ferrara. Le accuse, a vario titolo, sono associazione di tipo mafioso armata, finalizzata alle estorsioni, nonché di concorso esterno in associazione mafiosa.

Ecco nel dettaglio le accuse mosse dalla Dda 

Angelo Occhipinti: “quale promotore e organizzatore della famiglia mafiosa di Licata, per essersi occupato di garantire il costante coordinamento con gli altri associati, organizzando e partecipando a incontri e riunioni riservate con altri membri dell'organizzazione mafiosa finalizzati alla trattazione e alla risoluzione delle vicende di interesse mafioso e per avere gestito le principali dinamiche funzionali al controllo illecito del territorio quali: la riscossione delle cosiddette ‘messe a posto’, il controllo delle attività produttive, la composizione di contrasti tra privati facendo leva sulle capacità di intimidazione derivanti dall’appartenenza al sodalizio mafioso, con ruolo apicale”. Contesta anche l’aggravante: “per avere commesso il fatto mentre si trovava sottoposto alla sorveglianza speciale ed in ogni caso nei 3 anni successivi da quando ne era cessata l’esecuzione”.

Giuseppe Puleri, inteso “Peppe”, 39 anni, di Campobello di Licata: “per avere mantenuto contatti con gli esponenti di altre famiglia mafiose della provincia, partecipando a incontri riservati finalizzati alla trattazione di vicende di interesse per l’intera associazione nonché, intervenendo nella gestione delle illecite attività associative quali: la riscossione e l’impiego dei proventi derivanti dalle ‘messe a posto’ e la regolamentazione della dislocazione delle attività imprenditoriali dedite all’uso di macchine per il gioco d’azzardo”.

Vincenzo Bellavia, 33 anni: “della famiglia mafiosa di Licata, per avere mantenuto un costante collegamento anche con esponenti di altre famiglia mafiose, cui veicolava messaggi da e per conto del capo della famiglia, Angelo Occhipinti, e avere contribuito all’approvvigionamento ed alla gestione della cassa comune della famiglia mafiosa”.

Angelo Graci, inteso “Trappolina” di 31 anni, e Giuseppe Salvatore Spiteri di 45 anni: “della famiglia mafiosa di Licata, occupandosi della trasmissione di informazioni tra altri associati nonché partecipando a incontri destinati alla trattazione di questioni concernenti dinamiche associative e svolgendo mirata attività di sorveglianza delle strutture logistiche utilizzate dalla consorteria per gli incontri riservati”.

Giuseppe Scozzari, 46 anni: “perché, concorreva, senza prenderne parte, nell’associazione mafiosa, ponendo in essere, a fronte della promessa di voti elettorali garantitagli dall’associazione, le seguenti condotte: nell’esercizio delle sue funzioni di responsabile del servizio tecnico del presidio ospedaliero di Licata garantiva corsie preferenziali per l’accesso ai servizi dell’Asp a soggetti indicati da Occhipinti; nell’esercizio delle funzioni di consigliere metteva a disposizione il proprio peso politico all’interno del Comune per fare ottenere a Occhipinti e a Raimondo Semprevivola regolarizzazione amministrativa di un’area sottoposta a sequestro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Angelo Occhipinti e Raimondo Semprevivo di 47 anni: “perché, in concorso tra loro, con violenza e minaccia, costringendo (omissis) a consegnare 5 mila euro a Semprevivo, si procuravano un ingiusto profitto”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Accusa un malore e si accascia, tragedia in città: muore un 35enne

  • Temporali in arrivo, diramata una nuova allerta meteo "gialla"

  • Coronavirus, l'incubo non è finito: donna positiva al tampone

  • Frana il costone di Maddalusa, solo paura per i bagnanti: nessun ferito

  • Il Coronavirus spaventa ancora, Musumeci e Razza: "Se contagi salgono si chiude"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento