Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca Licata

Botti di Capodanno, un 60enne e un 20enne hanno perso una mano: il giovane è ferito anche alla pancia

Il ragazzo, a causa della gravità delle ferite riportate, è stato trasferito all'ospedale "San Giovanni di Dio". I due hanno appiccato il fuoco alle cosiddette "cipolle"

Il ventenne è stato trasferito, durante la notte, da Licata ad Agrigento

Due licatesi - un ventenne e un sessantenne - hanno perso una mano a causa dei botti di fine anno. Il bilancio della notte di San Silvestro si apre, per l'Agrigentino, nel peggiore dei modi. Entrambi i feriti sono ricoverati in ospedale. Il quadro clinico più complicato è quello del ventenne che oltre ad aver perso la mano sinistra è rimasto ferito, e in maniera seria, anche alla pancia.   

Il sessantenne, che ha perso la mano destra, è ricoverato al reparto di Chirurgia dell'ospedale "San Giacomo d'Altopasso" di Licata.

Il ragazzo invece ha perso la mano sinistra, ma ha riportato anche una lacerazione epatica, delle perforazioni intestinali ed un serio trauma polmonare. E' stato operato d'urgenza e - proprio a causa della gravità delle ferite riportate alla pancia - all'alba è stato trasferito al "San Giovanni di Dio" di Agrigento. La prognosi in questo caso è rimasta riservata.  

Sono in corso, naturalmente, gli accertamenti da parte dei carabinieri per ricostruire, con precisione, i due diversi incidenti che si sono verificati prima della mezzanotte. Nessun dubbio, però, sul fatto che si è trattato di incidenti - e feriti - legati ai botti di Capodanno. I due, a quanto pare, hanno appiccato il fuoco a dei botti, noti con la denominazione di "cipolle". 

(Aggiornato alle ore 11,26)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botti di Capodanno, un 60enne e un 20enne hanno perso una mano: il giovane è ferito anche alla pancia

AgrigentoNotizie è in caricamento