menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

"Violenza sessuale e sequestro di persona": assolto un operaio di 37 anni

L'uomo era imputato anche di maltrattamenti in famiglia. Per i giudici del tribunale "il fatto non sussiste"

Il collegio del tribunale di Agrigento - presidente Alfonso Malato, a latere Katia La Barbera e Giuseppa Zampino - ha assolto perché "il fatto non sussiste" l'operaio trentasettenne che era finito sul banco degli imputati per violenza sessuale, sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia. L'uomo - secondo quanto riporta sull'edizione odierna il quotidiano La Sicilia - era stato accusato dalla sua convivente e compaesana che rischia, adesso, una querela per calunnia. L'imputato, rappresentato dagli avvocati Giuseppe Vinciguerra e Domenico Lombardo, ha sempre respinto le accuse. Anche il pubblico ministero, al termine della sua requisitoria, aveva chiesto l'assoluzione dell'imputato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento