rotate-mobile
Cronaca Licata

"Settantenne evade per incontrare vecchia compagna", il giudice lo libera dopo la convalida

L'anziano era agli arresti domiciliari dove stava scontando un residuo di condanna per furto. Il tribunale di sorveglianza lo "grazia": niente carcere

Evade dagli arresti domiciliari per incontrare una vecchia compagna coetanea, desideroso di vederla dopo il lungo periodo trascorso in carcere, e viene arrestato dalla polizia.

Il giudice convalida il provvedimento ma non applica al settantenne di Licata alcuna misura cautelare. Lo stesso tribunale di sorveglianza, chiamato a valutare la sua violazione nella fase dell'espiazione della pena, si limita a una semplice diffida. L'anziano, che ha nominato come difensore l'avvocato Francesco Lumia, in ogni caso, sarà processato per l'accusa di evasione. 

Il suo arresto era stato eseguito dai poliziotti del commissariato in seguito ad un controllo di routine delle persone recluse ai domiciliari. L'anziano, che ha spiegato al giudice di non avere avuto l'intenzione di sottrarsi alla pena o evadere, ma solo rivedere la vecchia compagna, aveva ottenuto di recente di scontare un residuo di condanna di oltre un anno, per l'accusa di furto, nella propria abitazione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Settantenne evade per incontrare vecchia compagna", il giudice lo libera dopo la convalida

AgrigentoNotizie è in caricamento